meditazioni

Caro papà, oggi ti lascio a casa! Diventare adulti nella fede

Meditazione per la

Sesta domenica del T.O. anno A

16 febbraio 2020

 

«Sia in te la radice dell’amore,

poiché da questa radice

non può procedere se non il bene»

Agostino, Commento alla Prima lettera di Giovanni 7,8

 

Davanti a una scelta

La vita ci mette continuamente davanti a una scelta. Piccole o grandi che siano, le nostre decisioni ci svelano e dicono qualcosa di noi, soprattutto mostrano la direzione che abbiamo preso e dove stiamo andando: «Davanti agli uomini stanno la vita e la morte, il bene e il male» (Sir 15,17).

È un po’ come percorrere un sentiero di montagna: troviamo bivi e incroci. E la strada che scegliamo di percorrere può portarci o meno alla meta. Possiamo perderci o possiamo impiegare un tempo maggiore per arrivare a destinazione. Ma abbiamo veramente una meta nella vita? E qual è? A volte ci perdiamo nei boschi della pigrizia o nelle selve delle nostre inquietudini perché non ci siamo neppure fermati a chiederci dove vogliamo arrivare, cosa stiamo cercando nella vita.

 

La meta e i criteri

Eppure è una domanda fondamentale, perché è proprio alla luce di questo obiettivo che possiamo valutare i criteri più opportuni: mentre saliamo in montagna, riconosciamo le indicazioni del sentiero che abbiamo scelto di percorrere. Quelle indicazioni custodiscono il nostro cammino, non sono certo un obbligo, ma sono una garanzia per salvaguardare il nostro percorso e per giungere dove il nostro cuore desidera.

Le Parole di Dio ci custodiscono, impedendo che cadiamo dal precipizio, ci difendono e ci mantengono sulla strada della vita. La tragedia accade quando l’uomo pretende di sapere meglio di Dio quale sia la strada che porta alla felicità. Decide così di fare pericolosi fuori pista che per lo più lo portano a sbattere e a mettere a repentaglio anche la vita degli altri. Il peccato nasce quindi dalla superbia ovvero dalla pretese di sapere più di Dio.

 

Interiorizzare

Una guida esperta, diventa così familiare con le indicazioni dei sentieri che non ha più bisogno di guardarle, le ha interiorizzate. E a volte solo questa familiarità con quei sentieri permette di salvarsi: immaginiamo infatti che le intemperie o un malintenzionato abbiano cancellato quei segnali, come si potrà giungere alla meta?

Mi sembra che il processo che Gesù suggerisce alla sua comunità in questo quinto capitolo del Vangelo di Matteo vada proprio in questa direzione: Gesù ci suggerisce, per il nostro bene, di diventare così familiari con i criteri che ci permettono di trovare la nostra felicità da poterli riconoscere anche quando non sono così evidenti.

Alla sua comunità, Gesù chiede di fare un percorso di interiorizzazione (come la guida che percorre con agilità i sentieri di montagna e che in questo modo può salvare la propria vita e quella degli altri nei momenti difficili). Gesù non vuole cancellare le indicazioni dei sentieri, anzi suggerisce di diventare così familiari con essi da portarli nel cuore: «ma io vi dico…». I farisei e gli scribi sono al più corretti, cioè osservano le indicazioni e procedono, obbediscono.

 

Diventare adulti

L’antica sinagoga contava 613 precetti (248 comandi, come le membra del corpo umano secondo una certa interpretazione, e 365 divieti, come i giorni dell’anno): indicazioni da tenere sempre davanti agli occhi e a portata di mano. Ma se pensiamo al nostro processo di crescita, ci accorgiamo che nei primi anni di vita i genitori (o il mondo degli adulti) rappresentano quelle indicazioni esterne che, a volte anche con rimproveri e punizioni, ci tengono sulla strada migliore per noi (o quella che ritengono tale, dal momento che il bambino non è ancora capace di scegliere la sua strada).

Sappiamo bene però che il bambino non può diventare un adulto che si porta sempre dietro la mamma o il papà (la cosa tragica è quando questo effettivamente succede sempre più spesso al giorno d’oggi). Diventare adulto significa interiorizzare e fare proprie le indicazioni che (speriamo) ci sono state date. In questo modo la persona diventa capace di scegliere autonomamente e responsabilmente il bene. Gesù sta chiedendo ai discepoli di diventare adulti e interiorizzare quei precetti, affinché siano il loro modo di agire e non semplicemente l’obbedienza a un comando esterno.

 

Dentro al cuore

Le scelte che facciamo fioriscono quindi nel nostro cuore: l’omicidio comincia dall’ira e l’adulterio comincia dal desiderio. I criteri per decidere dove vogliamo andare ce li portiamo dentro di noi. Non meravigliarti se arrivi a uccidere tuo fratello o a tradire tua moglie, non si tratta semplicemente di non aver rispettato un comando, guarda piuttosto quello che da tempo si stava muovendo nel tuo cuore. Potrai anche non aver ucciso tuo fratello e potrai non aver tradito tua moglie, sarai stato al più corretto, ma non vuol dire necessariamente che avrai amato il tuo fratello e tua moglie. Puoi accontentarti di vivere una vita da persona corretta, come gli scribi e i farisei (e non sarebbe poco) oppure puoi cercare un di più nella tua vita e cominciare a scegliere con il cuore, credendo veramente in quello che fai!

 

Leggersi dentro

  • Quale spazio hanno i comandamenti nella tua vita? Ti confronti con essi (anche per prepararti alla riconciliazione) o ti costruisci tu i criteri per valutare il bene e il male?
  • Ti fermi di tanto in tanto a valutare e discernere quello che sta avvenendo nel tuo cuore?

 

Versione originale su http://www.clerus.va

3 commenti

  1. Ogni tanto, chiedo allo Spirito il dono del discernimento ma spesso mi trovo di farmi, io, una scaletta di cio’ che e’ bene e cio’ che e’ male. Mi consolano le parole che Lui mi custodisca e mi dia delle indicazioni per non perdermi del tutto ed interiorizzare questa Sua guida in vista del mio Bene. Grazie. Mi rida’ Speranza di potercela fare, guardando in Lui. Sarebbe solo Dannazione lasciare tutto in mano agli uomini.

  2. Sembra facile discernere , ma non lo è. La religio impone regole e dogmi, mentre il Signore è anche libertà anche di sbagliare. E sicuramente un argomento mi affascina. La difficoltà del sacramento della riconciliazione. Basta con gli elenchi di richieste ossessive al Signore e anche con la morbosa ricerca del male dentro e fuori di noi. Cerchiamo il Dio incarnato, che è dentro di noi e ci parla

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: