meditazioni

Ti porto via con me: l’amore non conosce fine

Meditazione per la quinta domenica di Pasqua

10 maggio 2020

“Signore mio Dio, unica mia Speranza,
fa’ che stanco non smetta di cercarTi,
ma cerchi il Tuo Volto sempre con ardore”.

Sant’Agostino, De Trinitate 15, 28, 51

Separazione

Quando una persona a cui siamo legati si separa da noi, sentiamo come una corda che si spezza e abbiamo la sensazione di precipitare nel vuoto. Gridiamo affinché qualcuno ci senta e possa riannodare quella corda.

La separazione da chi amiamo è accompagnata da emozioni che ci fanno sentire l’as-senza: ci sentiamo senza qualcuno. Ci portiamo dentro un vuoto che nessuno può colmare. È inutile provare a riempirlo: il vuoto c’è.

Nel tempo della separazione veniamo fuori per quello che siamo. È lì che emerge come abbiamo vissuto quel legame. È lì che si vede quanto abbiamo amato. È lì che emergono le nostre paure, quelle che fino ad allora siamo riusciti a coprire.

Le parole del congedo sono le parole essenziali. Non c’è più tempo, forse non avremo un’occasione in più per dire quello che ci portiamo nel cuore.

La separazione da Gesù

Il passo del Vangelo di questa domenica racconta il momento del congedo di Gesù dai suoi discepoli. È da poco terminata la cena, l’ultima. È il tempo di dirsi le cose che contano. Ed è il tempo in cui emergono, senza controllo, le paure più profonde.

 

Innanzitutto la paura di restare soli. Abbiamo bisogno di essere rassicurati.

Nel mondo antico si era soliti spaccare in due un oggetto: ciascuno ne avrebbe tenuto metà, fino al giorno in cui ci si sarebbe incontrati di nuovo per unire (syn-ballo, significa infatti metto insieme, da cui la parola simbolo) quelle due parti.

Conoscendo forse la nostra smemoratezza e il nostro disordine, Gesù non ci lascia un pezzo da custodire, ma ci lascia se stesso tutto intero, ci lascia il pane e il vino in cui riconoscere la sua presenza reale, il suo corpo e il suo sangue. Nell’Ultima Cena, infatti, Gesù si consegna per essere ritrovato sempre, soprattutto quando i discepoli hanno paura di perderlo.

Le parole di Gesù sono rassicuranti: “vi prenderò con me”; “dove sarò io, sarete voi”. Sono le parole di chi parte e vede la paura sul volto di chi resta.

Fare spazio

Non c’è immagine più rassicurante della casa, infatti è lì che Gesù ci aspetta: nella casa di mio Padre ci sono molte dimore. La casa è il luogo dell’intimità e delle relazioni. Gesù parla infatti di una casa in cui c’è spazio. Una casa in cui essere accolti. Sappiamo bene come da sempre la casa sia una rappresentazione di noi stessi. Da bambini, una delle prime cose che cominciamo a disegnare, è la casa. Il bambino si rappresenta indirettamente attraverso la casa.

Nella casa del Padre, dice Gesù, c’è sempre spazio. Cioè nella vita del Padre (e in quella di Gesù, che è la stessa vita) c’è sempre spazio. La sua vita è accogliente, è una vita per gli altri. Gesù sta dicendo ai suoi amici che ci sarà sempre spazio per loro nella sua vita.

Dove andare?

Quando ci sentiamo abbandonati, ci accompagna anche la sensazione di perderci. L’assenza dell’altro fa venir meno i punti di riferimento. L’altro è una direzione. La sua mancanza ci getta nello smarrimento: cosa farò adesso?

Anche Gesù incontra lo smarrimento dei suoi discepoli. Tommaso cerca una via perché si sente perduto. A volte però quando ci perdiamo l’unica cosa che possiamo fare è aspettare che qualcuno ci venga a prendere.

Da soli

Tommaso è la voce dell’autonomia e dell’autosufficienza: vorrebbe trovare la strada da solo, vuole essere il protagonista del suo cammino, vuole dimostrare di potercela fare da solo. Gesù lo invita ad aspettare e a riconoscere che “nessuno può venire al Padre se non per mezzo di me”. Gesù è la via. Occorre stare lì, sulla strada, e lasciarsi incontrare dal pastore che va in cerca delle sue pecore.

Ritrovarsi

Quando ci sentiamo abbandonati, abbiamo l’impressione di restare orfani.

Filippo vuole vedere il padre, ha bisogno di ritrovare la sua origine, le sue radici, la sua storia. Cercare il padre vuol dire cercare chi sono, la mia identità, da dove vengo. Il padre è colui che ci consegna un’eredità e ci permette di costruirci un futuro.

Sentirsi abbandonati vuol dire non vedere più la possibilità di un domani. Sentirsi orfani vuol dire sentirsi privati del futuro, non solo del passato.

Forse per questo Gesù ha, in questo passo, parole di padre: “farete cose più grandi di me”. Sono le parole che ogni figlio vorrebbe sentirsi dire dal padre.

Continui distacchi

Come i discepoli, anche noi siamo attraversati da queste paure.

La vita infatti ci chiama continuamente a staccarci, a salutare, a dire addio o a voltare pagina. Ma in ognuno di questi passaggi non siamo mai soli, anche se la tentazione cercherà sempre di persuaderci che siamo soli, smarriti e orfani.

 

 

Leggersi dentro

–          Come affronto i momenti in cui il Signore mi sembra lontano?

–          Qual è la paura più grande che vivo nel rapporto con Dio?

6 commenti

  1. In questi due mesi ho assaggiato la solitudine. E dire che sono single, sono abituata a stare da sola . A STARE da sola non a ESSERE sola. Prima della pandemia nella mia singletudine facevo tutto , andavo dove volevo..viaggi , mostre di pittura, shopping poi dall’oggi al domani un virus ha cambiato tutto! Un virus! Un esserino microscopico ! Mi sono trovata a fare casa – lavoro,lavoro -casa . Lavoro in ospedale,sono una infermiera. È cominciato lo stress fisico ed emotivo doppiamente difficile da condividere. Gli spazi si sono ristretti alla casa.Prima nei momenti difficili facevo tappa in chiesa ,andavo a ricaricare le batterie,adesso le chiese sono chiuse. Ho avuto un momento di crisi e disorientamento..l’ho affrontato abbandonandomi e dicendo a Dio : ok mi affido a te sia fatta la TUA volontà! E nella solitudine ho scoperto di non essere sola e questo da’ tutta un’altra prospettiva alla vita.

    1. “Chi salva una vita, salva il mondo intero”, incontrai questa frase la prima volta assistendo al film Schindler’s List.
      In questi tempo cui l’esistenza umana è condizionata dal virus, di vite gli operatori sanitari ne hanno e ne salvano molte, esponendosi agli stessi attacchi subiti da chi si è ammalato.
      Le immagini nei periodi più intensi mostrano un soccorrere urgente dinanzi al soccorso in atto.
      Il meritato abbraccio di ringraziamento generale spero Vi arrivi presto con la fine dell’emergenza.

  2. Mi rendo conto che, spesso, sono io ad allontanarmi, come se dovessi andare ad esplorare altro, perché penso il rapporto con Dio un’esclusiva che non mi permette di realizzare altro. Scrivendo questo, mi rendo conto come io non abbia capito niente di Dio, che è un Dio geloso, ma non possessivo. Mi lascia libera di fare esperienza, anzi. In questo devo ancora crescere. Ed ecco che ha senso parlare di SCELTA nella vita di tutti i giorni. Quando guardo a Lui il mio animo trova PACE. Ritrovo la mia centratura. Credo anche che sia l’unico ad ascoltarmi e a darmi conforto, esattamente come quando era in vita mia madre ed aveva il potere di chetarmi dalle mie ansie. Mi dava certezze.

  3. La paura più grande credo sia non credere alla Sua misericordia: fermarsi allo schema rigido delle nostre costruzioni, delle nostre paure e pensare che Lui non possa travalicarli, toccarli, trasformarli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: