meditazioni

La sfida della santità: vedere Dio dove sembra impossibile

Meditazione per la

Solennità di tutti i Santi

1 novembre 2020

«La beatitudine inizia dall’umiltà».

Sant’Agostino,

Il discorso del Signore sulla montagna, I,iii,10

Il paradosso

Stiamo attraversando un momento drammatico: abbiamo paura di ammalarci, la situazione economica è disastrosa, molte famiglie fanno fatica, persino la tenuta psicologica delle persone sembra venir meno. In questo scenario è difficile sentirsi sereni, confidare in Dio, mantenere viva la speranza. Eppure è proprio in momenti come questi che vengono fuori i santi. È proprio nella crisi, nella sofferenza, nei momenti bui, in cui tutto sembra crollare, che qualcuno ha il coraggio di guardare oltre. I santi sono gli uomini e le donne che accettano la sfida di non rassegnarsi davanti al presente, sono coloro che hanno il coraggio di aspettare, senza lasciarsi condannare da quello che c’è adesso. Si tratta appunto di una s-fida, cioè di fidarsi laddove sembra impossibile. La fede infatti è un paradosso: si tratta di vedere la presenza di Dio laddove sembra assente.

La speranza

Il testo delle beatitudini di Mt 5,1-12, che inaugura l’insegnamento di Gesù nel Vangelo di Matteo, presenta infatti situazioni paradossali che il discepolo è chiamato a vivere senza cedere alla dittatura del fenomeno: quello che c’è adesso, quello che si vede, non è l’ultima parola! Paradosso e speranza vanno insieme. I santi sono coloro che sperano in situazioni paradossali che sembrano proprio senza speranza. I santi sono felici perché non si lasciano schiacciare dal peso del presente. Non sono persone ingenue perché si rendono ben conto della pesantezza della realtà. La felicità è allora quella sfida che ci permette di non cedere alla disperazione.

La felicità

Nel suo insegnamento, Gesù non usa la parola che tradizionalmente era stata usata dai filosofi per indicare la felicità (eudaimonia, εὐδαιμονία). Quella parola indicava una meta, un premio conseguente a uno sforzo individuale. In fondo, anche noi oggi pensiamo che dobbiamo costruirci la felicità, ci illudiamo che sia nelle nostre mani o che abbiamo bisogno del favore del destino per poterla raggiungere.

Gesù usa invece un aggettivo (makarios, μακάριος) che indica appunto un modo di stare nelle situazioni. Ecco il paradosso: per Gesù si può essere felici anche stando dentro situazioni che effettivamente non sembrano favorevoli. Eppure è proprio lì che si crea lo spazio per Dio, è proprio lì che si genera la speranza, è proprio lì che si comprende che la felicità non è il risultato di uno sforzo umano, ma è la disponibilità a ricevere un dono, la disponibilità ad accogliere la presenza di Dio nel vuoto della propria vita.

Mancanza e relazione

Potremmo infatti suddividere le otto beatitudini in due gruppi: le prime quattro, a ben guardare, indicano situazioni personali di mancanza. Ci sono persone che mancano di qualcosa, mancano della grandezza e del successo umano, mancano della consolazione alla loro tristezza, mancano della forza per reagire, mancano della giustizia per rivendicare i proprio diritti. Sono queste le persone che, per Gesù, hanno la possibilità di essere felici, perché possono comprendere di non avere tutto, non sono autosufficienti. Sono le persone che possono rendersi conto che hanno bisogno di Dio. E Dio è pronto a entrare nella loro vita. Dunque la felicità non consiste nella povertà o nella debolezza, quelle però sono condizioni favorevoli per ricevere Dio, per lasciarsi amare da lui ed essere veramente felici.

Le altre quattro beatitudini descrivono invece relazioni e azioni, riguardano cioè quella felicità che troviamo quando viviamo atteggiamenti sani nei confronti degli altri: felici sono coloro che hanno misericordia per gli altri e non si lasciano andare a giudizi temerari, felici sono coloro che hanno uno sguardo puro sulle situazioni cercando Dio e non il proprio interesse, sono felici coloro che mettono pace e non mettono zizzania creando conflitti, felici sono coloro che sono perseguitati perché hanno cercato la giustizia e non hanno nascosto la verità scendendo a compromessi con il mondo.

I santi

Sono situazioni paradossali perché noi ci crediamo felici solo quando siamo vincitori, quando abbiamo tutto, quando sappiamo difenderci in tutti i modi possibili. Per questo, alla fine, Gesù si rivolge direttamente ai discepoli di ogni tempo: beati voi, sì, anche tu puoi provare a sperimentare la felicità, provando a sperare quando sembra impossibile, a fare spazio a Dio quando non hai nessun altro a cui aggrapparti, a saper attendere la giustizia senza tentare di farti giustizia da solo.

E allora si capisce che la felicità è nel presente e che ha molto a che fare con la capacità di sperare proprio quando tutto sembra crollare. Ecco chi sono i santi, coloro che hanno sfidato il presente, vedendo in un oggi drammatico la luminosa presenza di Dio.

Leggersi dentro

  • Qual è il tuo sguardo sulla situazione attuale? C’è spazio per la speranza?
  • Da chi o da cosa fai dipendere la tua felicità?

9 commenti

  1. “I santi sono coloro che sperano in situazioni paradossali che sembrano proprio senza speranza. I santi sono felici perché non si lasciano schiacciare dal peso del presente.” Il nostro presente sembra proprio una fotografia scura di questa situazione ed ecco che abbiamo dei raggi di luce che ci illuminano e ci guidano: in questo mese così buio ci è stata donata l’Enciclica “Fratelli tutti” e poi, a seguire la beatificazione di Carlo e ancora l’incontro del Papa con le comunità religiose “nessuno si salva da solo-pace e fraternità”…….Poi il web che consente di relazionarci e condividere pensieri! In questo vortice di avvenimenti la speranza è il sentimento più forte che mi guida e illumina…..e alla fine la Fede è la mia felicità!!!!!

  2. Da sempre considero la felicità una emozione passeggera. Dura un attimo la felicità. Aspiro invece alla serenità. Quando sono serena accetto le difficoltà della vita e mi affido ! Riesco a stare anche nella sofferenza senza perdere la speranza. E se sono serena trasmetto serenità anche agli altri e sorrido alla vita.

  3. In questa situazione così estrema sembra che ciascuno abbia tirato fuori il peggio o il meglio di se’ senza mezze misure.
    Da un lato chi, senza amore o rispetto, non ha voluto sacrificare nulla per l’altro e,per guadagno, per un’effimera felicità o per errate convinzioni ha facilitato la ripresa del contagio.
    All’opposto c’è chi ha rispettato le regole, chi si sta dando completamente per amore o per senso del dovere e combatte, sul fronte o dalle retrovie per cercare di curare e proteggere.
    È il momento di prendere coscienza e scegliere di lottare con quella forza che solo il Signore da. Ora più che mai “agisci come se tutto dipendesse da te, sapendo che tutto dipende da Dio”!
    … da Lui viene la mia felicità.

  4. Beati coloro che hanno il cuore tanto aperto e teso verso Dio, da ricevere la sua parola e il suo pensiero. Ecco allora che arriva la speranza del regno dei cieli ma anche la speranza per la terra.
    Domani è lontano ma il Signore ha promesso la liberazione per il suo povero popolo di peccatori.
    Sto aspettando con ansia l’inizio del 2022, quando avremo capito che la nostra fragilità umana non è debolezza ma risorsa per essere e diventare uomini migliori.

  5. Grazie. Sento il bisogno di ringraziare per questa riflessione che mi ha davvero “aperto” questa Parola.
    E’ riecheggiato forte in me il Padre Nostro come preghiera-dialogo di questi uomini Felici con il loro Dio.

  6. La sfida e’ non lasciare spazio a chi ci sguazza a metterci l’uno contro l’altro e a dare spazio all’inimicizia, alla divisione, al predominio sul fratello. Bisogna affidarsi al Signore perche’ illumini la nostra ragione e riscaldi il nostro cuore. Preghiamo ed af-fidiamoci a Lui, insieme a Maria, perche’ mantenga l’Umanita’ al riparo dal male. Salve, Regina, madre Misericordiosa, vita, dolcezza, speranza nostra, Salve. A Te ricorriamo, noi esuli, figli di Eva.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: