meditazioni

Desideri inconfessati: essere amato così come sono!

Meditazione per la festa del Battesimo del Signore (anno B)

Is 55,1-11; Is 12,2-6; 1 Gv 5,1-9; Mc 1,7-11

10 gennaio 2021

«Tuttora, nelle tenebre di questa vita,

noi avanziamo con la lucerna della fede».

Sant’Agostino, Omelia, 5,15

Insoddisfatti

Una delle caratteristiche dell’umanità di questo tempo è l’insoddisfazione. È come se non trovassimo più qualcosa per cui valga veramente la pena spendere la nostra vita. Viviamo di entusiasmi passeggeri, ci sveniamo per conquistare quello che poi non ci riempie più. Sappiamo bene che questo senso di insoddisfazione appartiene paradossalmente proprio ai contesti sociali più ricchi e progrediti. Per non parlare poi delle nuove generazioni che sempre più fanno fatica a trovare delle motivazioni profonde per affrontare la vita con entusiasmo. Proprio come dice il profeta Isaia nella prima lettura di questa domenica, siamo assetati, ma nello stesso tempo spendiamo il nostro denaro per quello che non sazia.

Amati

Forse riusciremo a trovare una risposta a questa insoddisfazione che ci abita solo se avremo il coraggio di guardare al nostro profondo desiderio di essere amati. Amati non per i nostri traguardi o per i nostri meriti, ma amati per quello che siamo, con i nostri fallimenti e i nostri errori. Il battesimo di Gesù, e quindi il nostro battesimo, dice fondamentalmente questo: Dio è l’unico che ci ama veramente per quello che siamo fino al punto da scendere nel nostro peccato. Gesù viene a incontrarci proprio lì, dove ci sentiamo persi, indegni, inadeguati. Ci incontra dove sbagliamo, dove restiamo delusi da noi stessi, dove ci vergogniamo.

Perdonati

Il battesimo è un’immersione nella morte per essere rinnovati dall’amore di Dio. Proprio per questo, riprendendo un gesto che era presente in diverse culture e ovviamente anche in quella ebraica, i primi cristiani vivevano questo rito scendendo nell’acqua di una vasca battesimale. Si percorrevano dei gradini che portavano sul fondo, proprio come immagine di quei momenti della nostra esistenza in cui ci sentiamo sprofondati, quando cioè tocchiamo il fondo. Chi può vederci, accoglierci e amarci quando tocchiamo il fondo? Questa è la buona notizia: Gesù ci aspetta lì, sempre pronto a donarci la possibilità di ricominciare.

Incontrati

Il testo del Vangelo di questa domenica vuole farci vedere concretamente questa volontà di Dio di incontrarci laddove ci sentiamo soli e indegni. Gesù entra in quelle stesse acque dove la gente va a riversare i propri peccati. Gesù non se ne tiene lontano, si coinvolge, non ha paura di sporcarsi, anzi, si confonderà talmente tanto con noi peccatori da essere ritenuto lui stesso un peccatore.

Paradossalmente solo se accettiamo di scendere sul fondo della vasca incontriamo l’amore infinitamente misericordioso di Dio, incontriamo quello che in fondo tutti desideriamo, ciò di cui siamo assetati anche se facciamo tanta fatica a riconoscerlo: essere amati gratuitamente così come siamo, senza maschere e senza giustificazioni.

Abbracciati

In Gesù siamo abbracciati dall’amore di Dio. Nel battesimo di Gesù infatti si aprano i cieli, quei cieli che sembravano chiusi perché era come se Dio non parlasse più all’umanità. In Gesù i cieli sono squarciati e non si chiuderanno più: Dio ricomincia a parlare all’umanità e non resterà più in silenzio. È proprio Gesù colui nel quale facciamo esperienza di tutto l’amore di Dio: lo dimostra un segno e una parola che troviamo nel testo. Lo Spirito scende su Gesù come una colomba. L’immagine della colomba attraversa gran parte della parola di Dio prima di Gesù: la colomba viene inviata da Noè per verificare se le acque del diluvio si sono ritirate, la colomba è la sposa del Cantico dei Cantici di cui lo sposo è alla ricerca, colomba è anche il nome di Giona, il profeta che è chiamato a predicare la misericordia di Dio.

Accanto a questo segno, c’è poi la voce del Padre che ci dà quell’indicazione fondamentale per trovare la risposta all’insoddisfazione che ci abita: l’unica strada è ascoltare il Figlio! Forse per questo siamo sempre più insoddisfatti perché sempre di meno abbiamo tempo di ascoltare quello che Gesù vuole dirci.

Riscattati

È lui lo sposo vero, quello che ama profondamente e veramente la Chiesa. Lo dice anche Giovanni battista, affermando di non essere degno di sciogliere il legaccio dei sandali di Gesù. Questo gesto può essere interpretato infatti in due modi: togliere il sandalo è un gesto penitenziale, ma Giovanni afferma che pur invitando tutti alla penitenza, non può essere certo lui a invitare a penitenza Cristo stesso. Ma questo simbolo del sandalo ricorda anche la legge del levirato, secondo la quale, quando un uomo moriva senza avere figli, il fratello o il parente più prossimo doveva prendere in moglie la donna per dare una discendenza a quell’uomo. Giovanni vuole dire forse che solo Gesù è lo sposo vero della comunità e non può prendere il suo posto.

Siamo ricondotti così all’essenziale, all’incontro con Gesù sul fondo della vasca. Nelle sue mani possiamo consegnare le nostre parti malate, quelle che non abbiamo il coraggio di guardare, quelle che ci fanno vergognare. Lui ci ama proprio lì, proprio dove abbiamo bisogno di riconciliazione.

Leggersi dentro

  • Di cosa hai sete veramente e come stai cercando di rispondere a questa sete?
  • Ti senti amato dal Signore anche in quelle parti di te che fai più fatica ad accogliere?

3 commenti

  1. Lui mi accoglie sempre. Mi ama. Sono io che faccio fatica ad accettare le mie incompletezze. Ma poi me le faccio passare e pace. Mi abbandono a Lui con la mia imperfezione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: