L’amore comincia dove finisce l’equilibrio. Elogio dell’amore imperfetto

Meditazione per la Solennità della Santissima Trinità (anno B) 27 maggio 2018 Dt 4,32-34.39-40 Sal 32 Rm 8,14-17 Mt 28,16-20   Genitoris genitique suavitas Agostino   Per concludere il mio corso su filosofia e letteratura, ho chiesto agli studenti di preparare dei racconti, scritti da loro, su un’idea filosofica. Mi ha colpito il fatto che…

Continua a leggere

Bibliografia sul discernimento

Una breve bibliografia delle mie pubblicazioni sul tema del discernimento, a cui mi sono particolarmente dedicato in questi ultimi anni. Spero possa essere utile per i giovani, ma anche per le diocesi e le comunità che stanno camminando verso il Sinodo: 1. «Pensieri e affetti: eterni nemici?», in La Civiltà Cattolica 3983 (2016) 417-520. 2.…

Continua a leggere

Da I. Silone, L’avventura di un povero cristiano

  Dal dialogo tra Pier Celestino, ormai non più papa, e Bonifazio VIII che ha fatto condurre Celestino nel Palazzo Caetani ad Anagni: Pier Celestino: […] Dio ha creato le anime, non le istituzioni. Le anime sono immortali, non le istituzioni, non i regni, non gli eserciti, non le chiese, non le nazioni. (Il papa…

Continua a leggere

Ho perso il filo. Come resistere nell’epoca dei frammenti

Meditazione per la Domenica di Pentecoste (anno B) 20 maggio 2018 At 2,1-11 Sal 103 Gal 5,16-25 Gv 15,26-27; 16,12-15  «…a causa del peccato dell’umana discordia, quando ciascuno arrogò a se il primato» Sant’Agostino   C’è quel momento in cui il filo si spezza e le perle si disperdono, saltellando, sul pavimento chiaro. Sembrano zampilli…

Continua a leggere

Pagine intonse. La fatica di tagliare per continuare a leggere

Meditazione sul Vangelo della VII settimana di Pasqua Ascensione del Signore (anno B) 13 maggio 2018 Mc 16,15-20   Tutto è tuo: tutto disponi secondo la tua piena volontà. Ignazio di Loyola   I racconti di Pasqua, quelli che descrivono gli eventi immediatamente successivi alla risurrezione di Gesù, parlano spesso di delusione, come nel caso…

Continua a leggere

Il discernimento è una questione soggettiva e personale?

Da quando si parla con una certa frequenza di discernimento, si è anche insidiato uno strano fraintendimento. Discernimento non vuol dire soggettività e relativismo. Il discernimento spirituale, così come Ignazio di Loyola ce lo ha insegnato, implica anche la considerazione dell’oggettività della norma. Chi discerne, cerca il filo che collega elementi che di primo acchito…

Continua a leggere

Non mi deludere! Come trasformare l’amore in un ricatto

Meditazione sul Vangelo della VI domenica di Pasqua (anno B) 6 maggio 2018 Gv 15,9-17   «Due che marciano insieme, infatti, hanno una capacità maggiore sia di pensare sia di agire». Aristotele, Etica nicomachea, libro VIII     Già Aristotele riconosceva che molte volte l’amicizia è basata sull’interesse reciproco, in altri casi si può fondare…

Continua a leggere