meditazioni

Cosa muove le nostre scelte?La compassione e la paura di deludere

Meditazione per la

Sedicesima domenica del T.O. anno B

18 luglio 2021

Ger 23,1-6   Sal 22   Ef 2,13-18   Mc 6,30-34

«Chi sono questi forti?

Coloro che si gloriano della propria giustizia.

Responsabili della divisione delle pecore

e della loro cacciata dall’ovile

non sono se non coloro che si sono autoproclamati giusti».

Sant’Agostino, Discorso 47,16

Tra due cose buone

Decidere non è una cosa semplice, ma lo è ancor di più quando ci troviamo davanti a due cose buone. Si tratta di dare una priorità, ma non sempre è così chiaro cosa debba venire prima. I sensi di colpa sono dietro l’angolo, il timore di aver fatto la scelta sbagliata è sempre in agguato.

Anche Gesù si trova davanti a questo conflitto tra due cose buone: da un lato la promessa fatta agli apostoli di stare un po’ con loro, di ascoltarli dopo averli inviati ad annunciare il Vangelo da soli, di prendersi un po’ di tempo per riposare e, dall’altra parte, la gente che lo insegue per ascoltarlo, la gente affaticata, che non sa dove andare.

A cosa dare priorità? Essere fedele alla promessa fatta ai suoi amici o dare spazio al bisogno incontenibile della gente? Cosa è più giusto: portare a termine il percorso formativo degli apostoli o cogliere l’occasione per dire qualcosa alla gente che lo cerca?

Effetti collaterali

Qualunque decisione genera delusione in qualcuno. Sul momento, gli apostoli ci saranno rimasti male, forse tra loro avranno anche criticato Gesù, forse qualcuno si sarà sentito tradito, trascurato. La delusione avrà trovato spazio nel gruppo dei Dodici. Ma d’altra parte cosa sarebbe successo se Gesù avesse ignorato la folla che lo cercava?

Ci sono due situazioni che lo interpellano e tra queste Gesù deve discernere. Non c’è molto tempo. Spesso anche noi ci troviamo a dover prendere una decisione senza indugiare troppo.

Sentire per scegliere

Nel testo c’è infatti una parola chiave che diventa il criterio della decisione di Gesù: provò compassione. Questo termine indica il movimento delle viscere, il sentire profondo che muove la nostra interiorità. Vuol dire che Gesù non ha fatto una scelta avventata, ma si è ascoltato. Sente che in quel momento la priorità è incontrare la gente. Gli apostoli sono chiamati ad aspettare. Anzi, questa esperienza di attesa diventa formativa anche per loro, perché stanno imparando meglio i criteri di Gesù: cosa viene prima, cosa è più importante.

Scegliere come Gesù

Gesù si trova davanti una folla anonima, che gli appare come un insieme di pecore disperse: erano come pecore che non hanno pastore. Si tratta di quell’umanità di cui nessuno si prende cura, sono persone che non sanno dove andare. Ma le pecore che non hanno pastore sono anche continuamente esposte alla voracità dei lupi.

Questa è la gente che Gesù ha davanti, ma è la gente che  anche noi incontriamo. A volte però i nostri progetti pastorali, i nostri piani di lavoro, le nostre esigenze, diventano prioritarie, ci irrigidiamo: davanti al bisogno disordinato degli altri, siamo più propensi a portare avanti le nostre programmazioni.

Gesù ha la libertà di interrompere quello che sta facendo, ha il coraggio di deludere, ha la forza di rimandare, perché ora c’è qualcosa di più importante.

Il vero bisogno del gregge

Di cosa ha bisogno quella gente disperata e vagabonda? Mi colpisce che la risposta di Gesù davanti a questa folla disordinata sia di insegnare.

Anche questo mi fa riflettere sui nostri progetti pastorali: cosa chiede veramente la gente? Qual è il bisogno più profondo delle persone? Questo testo ci fa riflettere sull’efficacia della via della conoscenza, sulla formazione delle coscienze, sull’annuncio coraggioso del Vangelo che passa attraverso il riconoscimento della nostra umanità. Gesù non ha paura di affrontare la stanchezza sua e della gente, perché c’è una parola che rinfranca, una parola che ristora, c’è un messaggio che dà speranza!

Davanti a questo atteggiamento di Gesù i nostri programmi pastorali impallidiscono, sembrano programmazioni più da circolo ricreativo o da aziende in fallimento che iniziative di discepoli di Cristo. Ma a volte i fuochi pirotecnici hanno lo scopo di colmare il vuoto di contenuti. Questa pagina del Vangelo, anche alla luce della crisi che stiamo attraversando, ci offre l’occasione per ripensare in che modo vogliamo prenderci cura delle persone, forse tornando a sentire compassione per poter fare talvolta anche scelte difficili.

Leggersi dentro

  • Quali sono i tuoi criteri per scegliere tra cose altrettanto buone?
  • Cosa ti insegna la compassione provata da Gesù davanti alle folle?

6 commenti

  1. Perfetta riflessione! È sempre una grande sfida sapere scegliere con saggezza. Grazie per questi saggi spunti di discernimento guardando gli atteggiamenti di amore viscerale di Gesù. Un caro saluto, Sr. Veridiana Kiss, ASCG

  2. Me fala a atitude de Jesus perante duas necessidades legítimas dos apóstolos e do povo. Jesus escuta a partir de dentro o que deve fazer: tem compaixão. Que liçao de vida para mim, que muitas vezes tenho medo de decepcionar os outros e me falta a coragem de escolher o que o coração me fala interiormente. Obrigada Padre pela meditação e Deus vos abençoe.

  3. Credo che, pur non avendolo mai riconosciuto chiaramente, il mio criterio sia stato la compassione e di certo lo ritengo un dono divino, non un mio merito speciale. Ho sempre detto ai miei figli di non arrabbiarsi per i “gesti di generosità” di chi condivide la loro vita. Perché viene dalle “viscere”!

  4. Gesù ama, compatisce, guarisce si siede e aspetta. Forse aspetta che ci svegliamo dalle vecchie ritualità. Aspetta semplicemente che ci sediamo a riposare accento a lui. Aio cerco di raggiungerlo, quando il mare agitato o le fatiche non lo impediscono.. ma ci sono troppi ostacoli tra noi, che solo la parola e larghi momenti di solitudine nella preghiera mi possono aiutare a rimuovere.

  5. Una riflessione molto profonda sui tempi delle decisioni. Un concetto che si rifà a quello di Coelet per cui c’è un tempo per ogni cosa, ma chi è deputato a scegliere è sicuramente soggetto a critiche. Tutti chiedono, ma pochi sanno aspettare il tempo delle risposte. E qui la compassione del buon pastore. Oggi mancano i buoni pastori.

  6. E’ sempre meglio “ascoltare” l’altro che anteporre il proprio interesse. Poi, e’ necessario pregare ed affidarsi a Dio ed alla Madonna per ritrovare Pace e senso alla propria vita perche’ Satana c’e’ ed opera zizzania tra gli uomini. L’odio si percepisce a pelle e fa sentire a disagio. L’unica via che percepisco e’ offrire a Dio questo, rivolgersi a Lui e subito si affacciano le persone “buone e sante” che mi ricordano che Dio non mi lascia sola.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: