meditazioni

Amo se mi amo, mi amo perché sono amato: coniugazioni senza eccezioni

Meditazione per la

Trentunesima domenica del T.O. anno B

31 ottobre 2021

Dt 6,2-6   Sal 17   Eb 7,23-28   Mc 12,28-34

«È in questo senso che giustamente si dice che il medico ama gli ammalati: cosa ama in essi, se non la salute che vuol ridonare, e non la malattia che vuole scacciare?»,

Sant’Agostino, Omelia 65,2

Un tempo vuoto

Il tempo che stiamo vivendo appare sempre di più come un tempo vuoto, è come se tutto quello che progettiamo, tutte le nostre ambizioni, i sogni fossero divorati da una voragine. È molto difficile trovare senso alla vita. Per quanto ci sforziamo di trovare stimoli nuovi, motivazioni che diano entusiasmo, c’è sempre di più la sensazione di qualcosa che si spegne e fa fatica ad andare avanti. Forse non è un caso però che sempre di più, al tempo stesso, siamo concentrati su noi stessi, sulla nostra soddisfazione personale, sulla ricerca della nostra affermazione individuale. Sembra paradossale, ma più ci chiudiamo su noi stessi, più facciamo fatica a dare senso alla vita. Quando manca un per, quando non c’è qualcuno per cui vivere, il tempo ci appare vuoto. Questo per è il segnale dell’amore. Solo quando cominciamo a spendere la vita per qualcuno, ritroviamo il senso delle cose. Per tornare a vivere abbiamo bisogno di tornare ad amare!

Il rischio di dimenticare

La grande tentazione del cuore umano, come ci insegna la storia di Israele, è proprio il rischio di dimenticare. Il libro del Deuteronomio aveva anche questo scopo, quello di ravvivare nel cuore d’Israele la relazione con Dio. Ciò che si chiama Legge è il dono di una relazione da parte di Dio per il suo popolo: la legge è un vincolo non per opprimere ma per legare, in modo da non essere mai separati.

Ascolta!

Il verbo fondamentale di questo testo del Deuteronomio che la liturgia ci propone è infatti l’invito ad ascoltare: ascolta! vuol dire ricordati che c’è qualcuno che ti sta parlando. Dio ti rivolge da sempre la parola, vuole dirti qualcosa, desidera comunicare con te. Ciò di cui ci accorgiamo successivamente, o mai nella vita, è in realtà ciò che sta all’inizio, in un inizio inconsapevole: Dio ha cominciato ad amarmi da sempre. Sono qui perché Dio mi ha amato. è qui che comincia la possibilità di dare senso alla nostra esistenza.

La totalità dell’amore

L’amore non può essere frammentato: o si ama o non si ama! L’amore chiede totalità. Ti amo quando mi stai a cuore. E il cuore, nella cultura ebraica, era il centro dell’essere umano. Il cuore è il luogo dove si incontrano i pensieri e i sentimenti, il luogo della decisione. Se ti amo, scelgo di agire in tuo favore. L’anima e le forze, gli affetti e il corpo: l’amore richiede coerenza e totalità.

La vita di fede si colloca perciò su un piano molto concreto: l’amore è risposta a questa chiamata iniziale di Dio. Con il Salmo 17 possiamo ripetere ogni giorno: «Ti amo, Signore, mia forza». È anche vero che l’amore di Dio non è solo all’inizio. Nell’incarnazione di Gesù Cristo, il suo amore ha preso un volto. Il volto di Colui che ha offerto se stesso per me, come sommo sacerdote, che non ha presentato solo le offerte al Padre, ma ha consegnato la sua vita per amore mio (Eb 7,27).

Domande difficili

Il rischio della fede è quello di diventare a volte religione senza spiritualità, precetto senza relazione. Lo scriba che interroga Gesù in questo brano di Marco forse è uno che si è accorto del pericolo di perdersi nei precetti, nelle cose da fare, perdendo di vista la relazione personale con Dio. Alcuni esegeti ritengono invece che questa domanda possa nascondere un’insidia, forse potrebbe essere il tentativo di mettere in imbarazzo Gesù, dal momento che viene chiesta una sintesi apparentemente impossibile. I precetti della legge erano seicentotredici: scegliere, pertanto, il primo comandamento tra questi numerosi precetti poteva sembrare un’impresa ardua.

Comincia ad ascoltare!

 Gesù riprende ed estende l’indicazione del Deuteronomio: comincia ad ascoltare! Renditi conto che la vita che stai vivendo è un dono, qualcuno ti ha pensato e amato. Questo invito ad ascoltare è un suggerimento per renderti conto che non sei il primo, ma non sei neppure solo. Dio è colui che fin dall’inizio ti accompagna nel tuo cammino. Ascolta! vuol dire fai l’esperienza di essere amato.

L’amore non si chiude

Ma l’amore non può rimanere chiuso nei confini di una relazione. L’amore è sempre eccedenza, l’amore esce da sé, si dona. Per questo, la relazione d’amore tra Dio e l’uomo si apre necessariamente agli altri. Anzi, è proprio l’amore generativo che è il segno di una relazione autentica con Dio. Non possiamo essere burocrati o amministratori del sacro, magari nascondendoci dietro una sterile applicazione della legge. Se il nostro agire non è segnato da questo amore, probabilmente abbiamo già da tempo interrotto la comunicazione con Dio.    

  Il fondamento dell’amore

La condizione per amare sta in quel come che Gesù inserisce in questa seconda parte del precetto. Come te stesso ci ricorda che per amare abbiamo bisogna di essere riconciliati con noi stessi: voglio davvero il mio bene? Molte relazioni distorte hanno la loro radice in questa mancanza di amore per noi stessi. Se non mi sento amato, se non mi riconosco amabile, se mi percepisco sempre inferiore e indegno, ciò che esce da me sarà probabilmente il frutto della frustrazione. Tante azioni cattive nascono da questa percezione distorta di se stessi. Occorre perciò tornare all’origine, occorre ritrovare la consapevolezza di essere amati da sempre da Colui che per me ha dato la vita, una volta per sempre, e che non ritrae la sua parola.

Leggersi dentro 

  • C’è in te la consapevolezza di essere amato da Dio?
  • Quali sono i frutti della tua relazione d’amore con Dio?

2 commenti

  1. Grazie per questa meditazione padre Geatano. Purtroppo, a causa dei traumi subiti, spesso faccio fatica ad amarmi. Ho imparato tanto dalla vita. E ho anche imparato che se non amo me stessa non posso amare gli altri. So bene che se anche non ricevo amore dagli altri, posso io stesso amare e soprattutto sono amata da Dio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: