meditazioni

Non ci credevo più! Ricominciare quando sembrava ormai impossibile

Meditazione per la festa del

Battesimo del Signore (anno C)

9 gennaio 2022

Is 40,1-5.9-11   Sal 103   Tt 2,11-14;3,4-7   Lc 3,15-16.21-22

«Quanto l’uomo possiede di verità e di giustizia, proviene da quella fonte,

di cui dobbiamo essere assetati in questo deserto,

se vogliamo come da alcune gocce di rugiada esserne irrorati

e ristorati durante la nostra peregrinazione,

e così non venir meno nel cammino,

e pervenire là dove la nostra sete sarà placata e saziata».

Sant’Agostino, Omelia 5,1

La fatica dell’attesa

Le promesse generano attese. Un bambino crede alle promesse della mamma anche se si trattasse di aspettare tutta la vita. La sposa è trepidante davanti alla promessa dello sposo e non si chiede quando, le basta quella parola. Ma a volte le promesse sono anche deluse, tradite. È difficile rimanere fedeli e fiduciosi quando il tempo passa e la parola data non trova compimento.

Anche il popolo d’Israele ha vissuto la fatica dell’attesa e la paura dell’abbandono. Ha aspettato così tanto che a un certo punto non ci crede più. Nel tempo dell’attesa abbiamo bisogno di qualcuno che ci aiuti a sperare.

Una parola di speranza

Il capitolo 40 di quello che conosciamo come Libro di Isaia è l’inizio di un libretto (che arriva fino al cap.55) che raccoglie le parole di un profeta (a cui viene dato il nome di deutero-Isaia, cioè secondo Isaia) che ha il compito di aiutare il popolo a non smettere di sperare. Si tratta probabilmente di un profeta vissuto al tempo dell’esilio in Babilonia e che ha condiviso la sorte degli esuli. Quando l’esilio è finito, il popolo si ritrova smarrito. Non sa da dove ricominciare. È bloccato, non trova la forza per rimettersi in cammino. Dopo tanto tempo è difficile credere che un nuovo inizio sia davvero possibile: cosa avrebbero trovato tornando nella loro terra dopo tanti anni? Dove avrebbero trovato la forza di ricominciare da capo? C’è bisogno di una parola che rimetta in movimento. E la prima parola di questo libretto è consolate! Credi a quello che stai vivendo perché Dio non ti ha mai abbandonato! Questa parola è come il grido che un comandante rivolge al suo esercito e che i soldati si ripetono l’un l’altro fino a metterli in cammino.

Costruire una strada

Come avviene anche nella nostra vita, questa parola di consolazione a volte non è sufficiente: ci sono i dubbi, la fatica e lo scoraggiamento che a volte ci invadono e ci deprimono. Anche i reduci dall’esilio non sono convinti, perché non vedono la presenza di Dio, fanno fatica a sperare. La risposta del profeta è l’invito a costruire una strada! Da una parte è un modo per togliere tutti quegli ostacoli che ci impediscono di vedere il Signore che viene verso di noi: dove non c’è una strada, si fa fatica a riconoscere le tracce perché vengono cancellate dal vento del deserto, dove ci sono le montagne, si fa fatica a vedere quello che c’è dall’altra parte. Ma costruire la strada vuol dire anche credere che qualcuno ci sta venendo incontro: sperare nel Signore è già essere certi di aver ottenuto quello che aspettiamo!

Un nuovo inizio

Si tratta, certo, di un popolo che, tornando nella propria terra, si trova davanti solo macerie, proprio come avviene nella nostra vita quando ci tocca ricominciare dopo che la tempesta ha stravolto e portato via tutto. E davanti alle macerie ci si può avvilire o si può reagire, mettendosi a ricostruire. Il popolo fa fatica a credere che sia davvero possibile ritornare nel proprio paese e poter ricominciare, non ci crede perché questo dono è talmente gratuito che sembra impossibile. Il castigo era stato meritato, ma questa possibilità di un nuovo inizio è una grazia:

«Parlate al cuore di Gerusalemme

e gridatele che la sua tribolazione è compiuta,

la sua colpa è scontata,

perché ha ricevuto dalla mano del Signore

il doppio per tutti i suoi peccati». (Is 40,2)

La promessa si compie

Il Vangelo di Luca riparte proprio da questa attesa del popolo, come a dire che questo atteggiamento ha trovato fino a quel momento solo risposte parziali. Ora finalmente la promessa si compie fino in fondo. Gesù è Colui nel quale il Padre compie per sempre la sua parola. Il tempo dell’attesa è sempre ambiguo e pericoloso, perché possiamo essere tentati di trovare delle scorciatoie quando siamo stanchi di aspettare: poteva essere più facile credere in Giovanni Battista piuttosto che aspettare un altro, era più facile anche perché Gesù parlava di una misericordia gratuita, Giovanni invece proponeva gesti concreti per meritare il perdono.

Dio si compromette

La promessa si compie quando Gesù scende fino in fondo nel nostro peccato e lo prende su di sé: Gesù scende nelle acque dove i peccatori hanno consegnato le proprie colpe. Dio si sporca e si compromette con l’umanità. È un Dio vicino che si confonde con noi. Un Dio che com-prende la nostra umanità.

Il Padre ci assicura che Gesù è Colui nel quale si compie la promessa: è il Figlio amato, nel quale ogni figlio è amato. Gesù è la risposta al nostro profondo desiderio di essere amati. E nulla può rispondere a quel desiderio se non Dio stesso. Tutta la Scrittura attesta che Gesù è Colui che compie le promesse. Lo Spirito scende infatti come una colomba, immagine che attraversa tutta la Scrittura: dalla colomba inviata da Noè alla fine del diluvio, alla colomba che sta nelle fenditure delle rocce, cantata nel Cantico dei Cantici, fino a Giona, il cui nome vuol dire colomba!

È comprensibile se siamo ancora dubbiosi e perplessi: ogni dono gratuito può suscitare all’inizio diffidenza. E allora forse anche per noi la risposta è metterci a costruire la strada: Dio certamente è già in cammino verso di noi!

Leggersi dentro

  • Cosa vuol dire per te oggi costruire una strada al Signore?
  • Quale parola oggi ti mette in movimento e ti aiuta a ricominciare?

2 commenti

  1. Eccomi difronte a un nuovo cammino 😞 stanca, forse delusa, incerta sul futuro. Lascio la strada di figlia…. i miei non ci sono più, anche la mamma mi ha lasciato 🥺… il deserto mi si presenta prepotente, acceca il mio sguardo, al più mostra dei miraggi…..braccia che si tendono verso l’altra, di colei che ti ha messo al mondo, ma non puoi più stringerle, non puoi aiutarla e non può aiutarti😞. Sarà un cammino difficile questo, che solo le braccia forti del Padre, de Figlio e dello Spirito Santo potranno rendere possibile offrendo la Loro mediazione per vedere oltre il limite della vita, sentirsi ristorati e rincuorati…. Nulla è perso, bisogna andare, recuperare, comprendere, trasformare. Grazie Signore per la Tua Misericordia, per il Tuo Amore

  2. Ho vissuto tanti distacchi ed ancora ne vivo. Non bisogna attaccarsi alle persone e, men che meno, alle cose. Ma … quant’e’ difficile. L’ unico a cui volgo lo sguardo e’ Lui che spero sempre che spalanchi le braccia per accogliermi povera come sono ed assetata di dare e ricevere Amore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: