meditazioni

Perdo pezzi. Quando la vita va in frantumi

Ventottesima domenica del T.O. anno C

9 ottobre 2022

2Re 5,14-17   Sal 97   2Tm 2,8-13   Lc 17,11-19

«Pertanto, dobbiamo rendere grazie
anche nel ricevere da lui questa salute,
ma, se sarà necessario,
disponiamoci a disprezzare anche quello che ci ha dato,
al fine di raggiungere beni più grandi».
Sant’Agostino, Discorso 306/A, 1

Morire lentamente

Senza sapere bene perché, ci sembra in alcuni momenti della vita di morire lentamente. La vita si sgretola e non riusciamo a stare dietro ai pezzi che si perdono. Facciamo fatica a trovare una ragione per continuare a trascinare avanti i brandelli della nostra esistenza. Sono quei momenti della vita in cui ci sentiamo messi da parte, isolati, come se gli altri avessero paura di contaminarsi con questa fatica di vivere. Nel linguaggio della Bibbia questa situazione esistenziale è rappresentata dalla figura del lebbroso, che fin dall’Antico Testamento attraversa le pagine della storia d’Israele.

Contraddizioni e sorprese

È infatti anche la condizione di Naamàn il Siro, un funzionario del Re di Aram. Si tratta quindi di un uomo che non appartiene al popolo di Israele, ma che viene a sapere che in quel paese c’è un profeta, Eliseo, che può guarirlo dalla sua malattia. Probabilmente non si trattava di vera e propria lebbra, ma di una bianchezza della pelle, altrimenti Naamàn sarebbe stato escluso dalle relazioni sociali e non avrebbe potuto svolgere il suo lavoro. Naamàn vuole essere guarito più che altro da una contraddizione che si porta addosso e che non gli permette di vivere pienamente la sua vita: la radice del suo nome (NM) rimanda alla parola bellezza, Naamàn dunque vive una vita che non è bella come dovrebbe!

Il cammino di guarigione però non sempre avviene secondo le modalità che noi ci aspettiamo: Naamàn, da funzionario reale, si aspetta di essere sottoposto a prodigi singolari ed è pronto a ripagare adeguatamente il privilegio che pensa di meritare. Eliseo invece gli manda a dire di bagnarsi semplicemente nel Giordano sette volte, forse per insegnargli che ciò che guarisce è la fede non la materia!

Deserti esistenziali

Se è vero che a volte ci sentiamo morire, messi da parte, incapaci di vivere pienamente la nostra vita, è anche vero che Gesù viene a cercarci proprio nei deserti dove la vita ci ha messo. Quando ci sentiamo morire è difficile trovare in noi stessi la forza di reagire, la volontà si infiacchisce è tutto sembra inutile.

Forse per questo motivo Gesù percorre un itinerario illogico per andare a Gerusalemme: passa attraverso la Samaria e la Galilea, Una deviazione che sembra nascondere un’intenzione: Gesù vuole attraversare quei luoghi identificati con l’infedeltà (la Samaria) e con l’ignoranza della vera fede giudaica (la Galilea). Vuole incontrare coloro che sono perduti, che si sentono tali o che sono stati esclusi dagli altri e che forse da soli non riuscirebbero a uscire dalle loro periferie.

Per Dio infatti non ci sono confini e il suo amore raggiunge ogni uomo: «tutti i confini della terra hanno veduto la vittoria del nostro Dio» (Sal 97,3). Dio è colui che rimane fedele nonostante le nostre infedeltà, come dice Paolo nella lettera a Timoteo: «se siamo infedeli, lui rimane fedele, perché non può rinnegare se stesso» (2Tm 2,13). Che la nostra infedeltà sia consapevole o meno, Dio ci raggiunge là dove ci siamo persi, dove forse stiamo andando a pezzi, dove la vita si è frantumata.

Umanità malata

Gesù incontra un gruppo di lebbrosi che parlano con una sola voce, come se fosse una sola persona: a volte il dolore unisce, crea una solidarietà, ci si capisce, si condividono le paure e le speranze.

L’immagine è anche quella di una comunità malata: sono dieci come il numero richiesto per l’assemblea sinagogale! Possiamo rivederci in questo gruppo come umanità malata che cerca aiuto. Appena li vede, forse per evitare un contatto che gli avrebbe poi impedito di entrare nella città, Gesù li rimette in cammino, offre una metà: andate a presentarvi al sacerdote! Fate quello che dovete fare, consideratevi già guariti, credete nella vostra guarigione.

In questo modo Gesù li rimette nel tessuto delle relazioni sociali: la prima guarigione di coloro che si sentono esclusi e rifiutati è la possibilità di tornare a essere accolti perché qualcuno ha ridato loro fiducia.

C’è anche altro

Nella vita però rischiamo di credere che la nostra guarigione, la difesa della nostra integrità, la nostra salute, siano lo scopo e il fine del nostro cammino. D’altra parte non facciamo male a nessuno, anzi facciamo il nostro dovere, facciamo quello che ci è stato chiesto di fare, proprio come questi lebbrosi. Solo uno si accorge che nella vita c’è anche altro: si può ringraziare, si può essere riconoscenti, si può scoprire che c’è una relazione con Dio che dà senso alla nostra esistenza e che vale di più dell’integrità fisica.

In tal senso, solo il lebbroso che torna indietro è anche salvato, gli altri sono solo guariti! E ciò che lo salva è la sua fede, benché sia un samaritano, un eretico, ma allora di quale fede si tratta? Cos’è la fede? Qui la fede sembra risiedere nell’umiltà che mi fa riconoscere che io non sono tutto, ma che la vita mi è donata e per questo diventa lode.

Leggersi dentro

  • Cosa significa per te essere salvato?
  • Come reagisci quando fai fatica a vivere?

5 commenti

  1. La salvezza per me è trovare la forza interiore che trasforma la sofferenza in un passaggio per attingere alle risorse profonde. Quando faccio veramente fatica mi fido

  2. La salvezza e’ per me la liberazione dalle mie relazioni che mi rendono dipendente e poco liberante. Quando non vivo bene, mi affido alla Madonna, che’ onterceda presso il Figlio e mi liberi dal male.

  3. Definitivamente que reflexión tan espectacular. GACIAS SEÑOR porque siempre llegas justo a tiempo.

  4. Aver Fede è quando nelle situazioni difficili alzo gli occhi verso il cielo e dico” Signore pensaci Tu….Tu solo sai”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: