meditazioni Uncategorized

Voglio scendere! Nessuno ti obbliga a procedere verso la disperazione

Meditazione sul Vangelo

della X domenica del T.O. anno C

5 giugno 2016

Lc 7,11-17

 

Nel destino di ogni uomo

può esserci una fine del mondo fatta solo per lui.

Si chiama disperazione.

Victor Hugo

La nostra vita è continuamente attraversata da momenti di vuoto, di assenza, momenti di distacco e di perdita. Questo vuoto può diventare l’abisso in cui precipitiamo oppure lo spazio in cui ri-generare la vita.

 

Quando siamo chiusi nel nostro dolore, procediamo come un corte funebre, inesorabilmente convinti che non ci sia altro da fare che metterci una pietra sopra.

 

Dietro questo corteo funebre ci siamo tutti noi: è l’umanità che non riesce a trovare più una ragione per vivere, siamo noi che abbiamo perso i nostri punti di riferimento, siamo noi che abbiamo trasformato il giardino nel cimitero delle delusioni.

Monet-giardino

Tutto comincia infatti, in questo brano, con un paradosso: nel luogo delle delizie, Nain, si sta svolgendo la processione per un morto. Quella vita che doveva essere speranza ed entusiasmo è diventata lamento. Eppure quel cammino verso la tomba non è mai inesorabile: un altro corteo, il corteo della vita, attraversa la disperazione dell’umanità e la trasforma.

 

Dio entra delicatamente, incrocia la nostra vita, si coinvolge nella nostra disperazione. Gesù tocca la bara, incontra la morte, si contamina, rinuncia alla sua purezza pur di portare la vita.

 

Non piangere! Sono le uniche parole di Gesù in questo brano, come a dire: non continuare a trasformare la tua vita in un lamento, il tuo vuoto può diventare luogo in cui Dio ti restituisce la vita. Così come Nain, il luogo delle delizie, è stato trasformato in un funerale, così io ti dico che questo vuoto può diventare luogo in cui torni a generare. Come questo fanciullo, possiamo rimetterci in piedi, possiamo vincere la paura della morte, la convinzione della fine inesorabile.

 

Davanti a questa donna, lo sguardo di Gesù si commuove: ma chi è questa donna se non l’umanità che ha perso i suoi punti di riferimento, proprio come questa donna che non ha più né marito né figlio? È l’umanità che non trova più ragioni per vivere. È l’umanità vedova di Dio, l’umanità che ha perso lo sposo, che non lo riconosce più o che forse si sente abbandonata da Dio.

È l’umanità che non ha più figli da amare, forse perché non sa più amare, forse perché non è più capace di far crescere figli, forse perché è troppo concentrata su se stessa. È l’umanità che ha perso l’essenziale e che non sa cos’altro fare se non procedere inesorabilmente verso la morte.

 

Dio chiede a ciascuno di noi di rimetterci in piedi, di credere che possiamo vincere la nostra paura di morire, ci chiede di ricominciare a parlare, di non chiuderci nel nostro isolamento, di non rifiutare la relazione, l’incontro, la comunicazione.  Dio ci restituisce alla madre: è lo stesso gesto del profeta Elia (1Re 17,23), è il gesto di restituzione alla vita. In fondo è questo che chiediamo a Dio nei nostri momenti di morte: essere restituiti alla vita.

 

Dio non si rassegna davanti a questo corteo funebre che inesorabilmente procede verso la disperazione: Gesù vede, si commuove, avanza. Sono i verbi della misericordia. Come nella parabola del buon Samaritano e in quella del padre misericordioso, all’origine dell’azione di Dio c’è sempre uno sguardo che interrompe e sorprende. In fondo si tratta di ridare ad ogni cosa il suo significato: Nain non può essere il luogo di un corte funebre, così come la nostra vita non può essere il luogo del lamento. Quel giardino che abbiamo trasformato in cimitero deve tornare a fiorire.

 

 

Leggersi dentro

–          Dove ti collochi dentro l’immagine di questo corteo funebre?

–          Cosa ti sta impedendo di tornare a vivere?

7 commenti

  1. Gesù ha compassione della nostra miseria,del baratro in cui siamo precipitati dopo il peccato d’origine. Come uomo Gesù ha sperimentato nelle sue viscere il dolore della perdita dell’amico Lazzaro , del padre Giuseppe : Gesù sa benissimo cosa prova la sua creatura. E in questo episodio come in altri passi evangelici desidera ridonare speranza ai nostri dubbi, al nostro sentirci orfani . C’è una vita biologica che finisce ma la Vita vera va oltre ogni speranza se……. lasciamo spazio al Suo Amore.
    E quando cala la sera o l’angoscia ci attanaglia ,bisogna fidarsi ed affidarsi ,bisogna abbandonarsi totalmente lasciandosi gradualmente trasformare in creature nuove . Non è facile e anche se Gesù ” spogliò se stesso fino alla morte e alla morte di croce” , io non ritengo ancora di essere pronta a questo abbandono totale .
    Donami una fede sempre più forte e una speranza che non vacilli mai.

  2. Gesù, pur consapevole del suo esito, si commuove sempre, piange e ha paura della morte. La sperimenta, la tocca, così come sperimenta il dolore. Mi colloco nella bara, “quasi” fiduciosa della resurrezione. Ma, come lui ho paura, perché la morte, il male e la desolazione è un baratro senza fine, che solo la fortissima consapevolezza di una sicura predestinazione può interrompere. E quella è sicurezza ha un solo dominio: una fede indomabile.

  3. Per fortuna che Gesù ci offre sempre delle nuove opportunità e ci restituisce in continuazione alla vita. E la forza dello Spirito soffia e crea armonia tra noi. Grazie ed un abbraccio.

  4. e’ brutto ammetterlo, ma ciclicamente ritorno sul sentiero della morte e le forze mi abbandonano. Molte vicende mi amareggiano e mi sembra faticoso vivere … in questi momenti prego affinchè un sano distacco mi riporti la gioia di vivere

    1. Questo commento al Vangelo di Domenica 5 giugno è arrivato nel momento giusto. Sono stata coraggiosa e sono guarita da una bruttissima malattia. Ma adesso che sono a lutto, avendo perso la persona che amavo più in questo mondo,mi sento come se avessi perso tutto nella mia vita. Inoltre, il clima generale di scontro e odio che attualmente si vive nella nostra società mi angoscia parecchio e vorrei fare di più affinché trionfi e vinca l’amore. Solo Gesù mi può capire!

  5. Basta continuare a nuotare!

    “Altro è sempre oltre”…
    Infine dobbiamo chiederci: può portarci salvezza l’altro che per noi è ‘dannazione’? Può venirci la salvezza dall’altro che non ci interessa, che è infedele, che ci inquieta? In verità, dare interesse all’altro (per noi) ‘non interessante’ è l’inizio della sapienza. L’altro infedele mi salva dalla presunzione della mia fede. L’altro arrogante mi salva da una fiducia ingenua e dal sogno di una vita senza lotta. L’altro che mi umilia mi riscatta da una pretesa scontata di ammirazione e fa emergere il senso profondo della mia dignità. Come dire che il credente salva l’ateo e l’ateo salva il credente, perché ateo e credente sono presenti in ogni cuore. E solo il cuore che li ascolta entrambi senza paura conoscerà l’umiltà che è garanzia di una risposta genuina alle domande di senso. La salvezza, infine, è nascosta, e va cercata, anche nell’altro che mi inquieta. Chi distrugge le mie certezze, le mie costruzioni («se non ci fosse lui o lei!»), quelle che Luzi chiama le mie «malcelate verità», mi rimanda alla salvezza nascosta nelle mie ferite. L’altro che mi scardina apre la soglia… «Altro è sempre oltre». Francesco salva il lebbroso ma il lebbroso salva Francesco. Scoprirlo è già salvezza.

    Giovanni Salonia, Sulla Felicità e dintorni. Tra corpo, parola e tempo, Ed. Il Pozzo di Giacobbe, pagg. 108-109

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.