meditazioni

Cerco un volto… La felicità è diventare finalmente qualcuno

Meditazione sul Vangelo

della XXVIII domenica del T. O. anno B

14 ottobre 2018

Mc 10,17-30

 

«[…] e insomma il bene perfetto è ciò che deve esser sempre scelto di per sé e mai per qualcosa d’altro. Tali caratteristiche sembra presentare soprattutto la felicità».

Aristotele

 

Cerchiamo, inevitabilmente, per quanto spesso inconsapevoli, un po’ di felicità. Ma in questa ricerca senza fine è facile confondersi. Non sempre abbiamo un’idea chiara di quale sia il nostro bene. A volte il nostro desiderio fa a pugni con quello che ci chiedono gli altri. A volte pensiamo che questa felicità dobbiamo guadagnarcela: nessuno ci regala niente! Ma in tante altre situazioni rimaniamo bloccati perché non siamo disposti a rischiare.

Rimaniamo ormeggiati alla riva, con le ancore ben piantate, con le zavorre gettate per evitare che il venti ci porti via. E quando è il momento di partire, la nave non si muove. Abbiamo nascosto così bene le nostre zavorre, che non ci ricordiamo neppure dove le abbiamo gettate. Una cosa sola è certa: la nave rimane ferma.

nave ormeggiata

Potrebbe essere un po’ questa la vicenda del protagonista di questo passo del Vangelo. Non sappiamo come chiamarlo perché non ha un nome. È uno dei tanti. Uno come noi che da tanto tempo desidera essere felice senza mai riuscirci. E proprio nel momento in cui qualcuno lo invita a rischiare, si accorge di quante zavorre ha seminato nella sua vita.

È probabile che quest’uomo non si sia sentito amato nella sua vita, forse si è persino convinto di non essere amabile. Ha deciso che l’amore, la felicità, si comprano, si conquistano. C’è un prezzo da pagare. E allora ha cominciato nella sua vita a sforzarsi di sacrificarsi sempre di più pur di raggiungere quella felicità desiderata.

lavoro sacrificio

La felicità è per lui un diritto che a un certo punto ti deve essere riconosciuto, come un’eredità che ti spetta quando il padre muore. E in fondo nel cuore di questo tale anonimo non c’è alcun interesse per la relazione con un padre: punta all’eredità non all’amore. Chiama Gesù ‘maestro’, gli interessa la sua sapienza non la sua persona. Forse non ci crede nemmeno alla possibilità di essere amato da un padre, forse non immagina neppure che la felicità la incontri esattamente quando ti senti amato da qualcuno come un figlio.

Proprio perché non arriva mai a decidersi, questo tale resterà senza un nome, non diventerà mai qualcuno. È il padre infatti che ti dona il nome.

paternità

Davanti a Gesù si rimane sorpresi, spiazzati: quest’uomo era andato da Gesù per  prendere qualcosa, il segreto della felicità, per ricevere un fardello pesante da portare pur di conquistare il premio di produzione. E invece i verbi che Gesù gli propone sono paradossali: gli chiede di vendere, di donare, e soprattutto di seguire lui. Siamo davanti a due logiche opposte: quella del mondo che ci fa entrare nel vortice della conquista, nella brama del possesso, nella ricerca del successo senza farci arrivare mai a essere davvero contenti; e la logica di Gesù che ci indica la strada della perdita, del dono, della sequela dietro a un altro.

E infatti è davanti a questa proposta che questo tale senza nome si rende conto del vero motivo della sua infelicità: ha troppe zavorre, sono talmente tante che forse non si ricorda neanche dove le ha messe. Pensa di possedere tante cose e invece si accorge di essere posseduto dalle cose. Non si muove perché è bloccato dalle tante sicurezze che si è costruito. È così che si altera la dinamica della vita: quando le cose non sono più un dono, ma diventano un proprietà. È il peccato di Adamo che vuole impadronirsi del frutto piuttosto che riceverlo.

trofei di caccia

Forse un po’ ingenuamente, questo tale ha portato davanti a Gesù i suoi trofei di caccia, quello che è riuscito a fare fin dalla sua giovinezza, i suoi traguardi, forse anche le sue rinunce e il bene che ha fatto. Ma Gesù gli mostra una prospettiva diversa: guardandolo dentro lo amò! Gesù non si sofferma sui suoi trofei, ma guarda quello che si porta nel cuore. Gesù lo ama prima ancora che questo tale abbia dato una risposta alla sua proposta. Lo ama perché, guardandolo dentro, vede la sua fragilità, vede il suo desiderio autentico di essere amato. E forse non a caso, Marco inserisce questo brano dopo quelle due scene in cui Gesù incontra e abbraccia dei bambini. In questo tale senza nome, come in ognuno di noi, Gesù riconosce e ama quel bambino ferito e deluso che abita in ciascuno di noi.

non-finiti-perin-del-vaga

Questo tale non è così diverso da quelli che invece fingono di aver seguito effettivamente Gesù. Anche loro, dice il testo di Marco, erano perplessi davanti alla proposta di Gesù: donare, lasciare, perdere la propria autonomia? E così, anche quelli che apparentemente avevano seguito Gesù, si accorgono delle loro zavorre, si rendono conto di quante sicurezze non lasciate si stanno ancora portando dietro. Gesù infatti guarda anche dentro di loro: il verbo usato qui da Marco è lo stesso che aveva usato poco prima per il tale senza nome, tutti cioè siamo guardati così da Gesù.

In fondo, in qualche angolo del cuore, rimane quella diffidenza davanti alla parola di Dio: sarà proprio vero che il Vangelo può rendermi felice? La sequela sta proprio in questo rischio, in questa tensione, nella quale sei chiamato a tirar su le ancore delle false sicurezze per poter ripartire.

 

Leggersi dentro

–          Cosa hai fatto fino ad oggi per essere felice? Ti è servito?

–          Se Gesù guardasse dentro di te, cosa vedrebbe?

4 commenti

  1. Mi imbatto nella casa Professa in via Botteghe Oscure, inizio a leggere la genesi della Compagnia, arrivo a Francesco Borgia e l’attrazione nel rileggere lo stravolgimento di vita in antitesi alla casta di appartenenza, ho scritto: “E’ da prendere da esempio indipendentemente dal proprio credo”.
    Carlo V, lo nominò viceré di Catalogna. In dieci anni la moglie gli diede otto figli. Gli muore la moglie mentre lui aveva 36 anni.
    Ricco, fa voto di povertà perpetua.
    Vedovo giovane ricco e potente, facile immaginare fra quante giovani e belle fanciulle poteva sceglire, fa voto di castità perpetua.
    Il livello nobiliare esigeva il comando su molte anime, fa voto di ubbidienza assoluta perpetua.
    Qui il “Seguimi!” di Gesù,dopo 1500 anni, è preso alla lettera, è il limite estremo: decisione obliando condizionamenti e influssi.
    Lascio certi passi a chi ha carisma, ma l’aver seguito a volte richiami rivelatesi soddisfacenti solo per il chiamante, mi spinge a pensare che il passo verso il non cadere nell’infelicità è l’allenamento giornaliero dei fondamentali elementari che permettono di riconoscere “Non ragioniam di lor, ma guarda e passa” per a “I Care” di don Milani.

  2. Gesù vedrebbe una convertita perenne continuamente in polemica con sé stessa e con questa deriva nella quale conta il denaro, preso, regalato, rubato, guadagnato..non importa …ma nessuno avverte che il peso del denaro ci tiene legati alla terra?
    La felicità è nello Spirito senza tempo.

  3. Sono convinta che la felicità Dio la mette nel cuore di ogni suo figlio. Tutto il tempo passato con la mia amata nonna Maria, la preghiera, ascoltare musica, ascoltare il cinguettio degli uccelli, leggere, scrivere, accettare la malattia, passare del tempo con amici anziani. Questo è felicità! Molte delle cose che ho fatto per essere felice mi hanno resa felice e mi sono ancora utili e utili saranno. Tuttavia non sono mancati momenti di scoraggiamento. E a 30 anni ho capito anche che la mia felicità passa anche dall’accettarmi così come sono. Cosa vedrebbe Gesù se guardasse dentro di me? Non saprei… ma Gesù già mi guarda e mi accetta così come sono, come ha amato il tale di questa pericope evangelica o Zaccheo. Gesù ama tutti e ama anche me.

  4. E’ vero. Ho imparato a nascondere quando sono felice perche’, nella mia imgenuita, mi sono accorta che cio’ comportava invidia negli altri. Poi, pero’, ho cercato di coinvolgere ed andare oltre, ed ho offerto a loro cio’ di cui avevano bisogno. Non riesco a non avere sogni, a progettare in positivo. Gesu’ mi e’ accanto, in ogni mia scelta quotidiana e mi fa fare esperienza. Poi, ho anche l’angelo custode, a cui mi rivolgo spesso, per proteggermi ed allontanarmi dal male.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...