meditazioni

Finalmente è finita la recita di Natale! Ora può andare in scena l’ipocrisia quotidiana

Meditazione per la festa della

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE – ANNO C

30 dicembre 2018

 

Gloria a quell’Invisibile
il cui figlio divenne visibile.
Gloria a quel Vivente
il cui figlio morì.

Efrem il Siro

 

Una delle cose tradizionali e simpatiche del Natale sono le recite dei bambini. Anzi direi le recite in generale. Recitiamo a fare la parte dei buoni, recitiamo portando regali che spesso non esprimono i veri sentimenti che abbiamo verso le persone, recitiamo persino la parte di credenti convinti, ostentando la pretesa di essere veri depositari del senso del Natale. Per fortuna le recite finiscono. E torniamo a fare i conti con quello che abita veramente il nostro cuore.

recital-scuola-infanzia1

Le recite dei bambini suscitano tanta tenerezza. Non solo per i bambini, ma anche per i genitori, che guardano i propri figli con un candore ingenuo, come se per un momento i loro figli fossero diventati le star del momento. Però anche le recite dei bambini finiscono, e, loro malgrado, tornano a essere i bambini di sempre, i bambini normali che fanno i capricci, che non obbediscono, che si stufano di ascoltare i rimproveri dei genitori.

 

Dentro il Vangelo di questa domenica, oltre certamente al più profondo significato teologico, c’è anche questo: l’inquietudine di due genitori che si devono confrontare con le domande impreviste e il comportamento indecifrabile del proprio figlio all’inizio dell’adolescenza.

Gesù ha dodici anni, dice il testo, ancora non ha raggiunto la maggiore età, che nel mondo ebraico viene celebrato l’anno dopo. Ma Gesù appare come un ragazzino che comincia a desiderare la propria autonomia e a cercare la propria strada.

Ogni genitore ha inevitabilmente la tentazione di considerare il proprio figlio come sua proprietà: il diritto romano lo aveva persino sancito giuridicamente, il pater familias, dopo la nascita del bambino, lo sollevava da terra e con quel gesto lo riconoscevo come suo figlio, ma nello stesso tempo affermava su di lui il diritto di vita e di morte.

pater

La vita però ci svela che i figli non ci appartengono, sono un dono gratuito, sfuggono al nostro controllo, non possiamo mai arrivare a scolpirli esattamente come vorremmo. Sono destinati a lasciarci. I genitori sono chiamati ad offrire loro radici a cui poter sempre ritornare, ma al contempo, i genitori sono chiamati a dare loro anche ali affinché possano intraprendere il loro volo.

Il racconto di Anna che porta al Tempio il figlio Samuele è esattamente il riconoscimento di questo dono, la consapevolezza che i figli appartengono a colui che li ha donati.

 

Dietro la normalità di un episodio di vita familiare, che oggi ci viene raccontato dal Vangelo, dentro un momento di ordinaria incomprensione tra genitori e figli, c’è un senso teologico ancora più profondo.

Innanzitutto perché Gesù compie insieme ai propri genitori un viaggio verso Gerusalemme, anticipando in qualche modo quel viaggio che proprio nel Vangelo di Luca è il centro del racconto: alla fine del capitolo nove, Gesù deciderà consapevolmente di andare a Gerusalemme per dare la sua vita per noi.

E a Gerusalemme, il ragazzino Gesù resterà per tre giorni, dice il testo, proprio come per tre giorni resterà nel cuore della terra, nel sepolcro a Gerusalemme, senza che nessuno possa trovarlo.

Maria cerca il bambino Gesù, come le donne cercheranno Gesù al sepolcro: sia Maria all’inizio della vita di Gesù, che le donne alla fine del Vangelo, sono il simbolo di ogni credente chiamato a cercare il Signore, nonostante la fatica e a volte l’incapacità di trovarlo. Dio infatti si fa trovare. Maria e Giuseppe cercano Gesù nella carovana e le donne lo cercheranno al sepolcro, a volte infatti cerchiamo Dio dove non è, lo cerchiamo nei luoghi scontati, dove sarebbe ovvio cercarlo. Dio invece ci sorprende. È là dove non penseremmo di trovarlo. Non è né nella carovana né nel sepolcro. Dio è altrove.

cercare

Maria e Giuseppe trovano Gesù in mezzo ai sapienti nel Tempio. È un’immagine che rievoca la figura biblica della Sapienza. Ciò che deve attrarre la nostra attenzione è che, nonostante questa sapienza, nonostante Gesù sia la Sapienza, la sua risposta è l’obbedienza: «Scese dunque con loro e venne a Nàzaret e stava loro sottomesso». Anzi, diremmo che l’obbedienza è il modo in cui Gesù esprime la sua sapienza.

 

Maria non è solo figura del credente che cerca, ma, insieme a Giuseppe, condivide la fatica e l’inquietudine di ogni genitore davanti ai comportamenti indecifrabili, e a volte irritanti, dei figli. Maria si rivolge a Gesù non con un rimprovero, ma con una domanda: chiede di capire, prima di giudicare. Non affronta Gesù da sola, ma coinvolge Giuseppe in un’alleanza educativa: tuo padre e io ti cercavamo. A volte, i comportamenti difficili dei figli rischiano di spezzare la relazione tra i genitori, indebolendo il loro intervento educativo. Giuseppe rimane in silenzio. Lascia parlare Maria. Forse per un accordo previo tra loro o perché è consapevole che in quel momento per lui è meglio tacere.

pappa-bambino.600

La risposta di Gesù è difficile da comprendere per i suoi genitori, ma, attraverso questa risposta, il Vangelo ci dice che la prima parola pubblica di Gesù nel Vangelo di Luca è “Padre”. Ci colpisce perché sarà anche la sua ultima parola. Tutta la vita di Gesù è ricompresa dall’inizio alla fine dentro la sua relazione con il Padre.

Anche in questa incomprensione, che spesso caratterizza la vita del genitore, Maria e Giuseppe continuano a stare accanto al figlio nella quotidianità della vita, pur sapendo che ci sarà un giorno in cui dovranno farsi da parte per lasciare che le folle affaticate e senza guida prendano il loro posto. Come Maria ha generato Gesù nella sua nascita, così, successivamente, sarà la Parola che lo genererà alla vita adulta.

 

Ora che le recite di Natale sono finite, possiamo tornare a confrontarci con la quotidianità della vita, a volte faticosa, certo, ma più vera. Non a caso, il tempo della quotidianità per Gesù con i suoi genitori è il tempo di Nazaret, un tempo su cui scende il silenzio, forse perché le cose quotidiane e importanti della vita non hanno bisogno di diventare sempre uno spettacolo.

 

 

Leggersi dentro

  • Anche per me il tempo di Natale è stato un po’ come una recita?
  • (per i genitori) Come affrontiamo i comportamenti a volte indecifrabili o irritanti dei figli?

4 commenti

  1. Ho bisogno di riposo mentale e fisico; e, nello stesso tempo, di riprendere la quotidianeita’. Dovremmo calibrare le energie ma il movimento fa parte della nostra vita, percio’ ci arrabattiamo nel cercare di mantenere un equilibrio psico-fisico.
    Coi figli bisogna dialogare, nonostante venga naturale assumere un atteggiamento di comando. Ma, come tutto, sono persone e bisogna condividere e contrattare. Faticoso, a volte. Richiede un buon auto training.

  2. Grazie agli accadimenti della vita che mi portano nella direzione dell’essenzialità, vivo questo tempo di Natale in maggiore profondità. Che cosa rende diverso il tempo? Forse il sapere che è il tempo di Dio, che in quel che sembra un banale e indifferente trascorrere in realtà si sta intessendo la storia sacra, la nostra storia di salvezza. Non che ce la stiamo costruendo, guadagnando (o perdendo), ma che proprio questo scorrere ci sta introducendo nel Regno. Il tempo di Natale ci invita a ravvivare questa memoria, per non lasciarci schiacciare dalla memoria delle nostre miserie. C’è una memoria meravigliosa che ci è stata consegnata, teniamola viva.
    Sono d’accordo con Maria Gabriella che con i figli, i miei sono studenti universitari, occorre tanta pazienza per mantenere aperto un dialogo costruttivo, ed è faticoso. Il messaggio che cerchiamo di far passare è che per loro noi ci siamo sempre nel bene e nel male e che possono parlare con noi senza paure, sensi di colpa e vergogna.

  3. Non sono sposata né madre di figli. Se un giorno avessi la mia famiglia non vorrei ridurmi come i miei genitori e vorrei che il figlio facesse ciò che Dio vuole per lui. Il modello sia la Famiglia di Nazareth, come si legge nell’ufficio delle letture odierno, e i padri non esasperino i figli! Natale è diventata una festa consumistica,piena di recite e ovviamente sono di gran lunga migliori le recite dei bambini. Io mi chiedo perché la gente affolli le Chiese solo il 25 dicembre… Il torto è anche mio che non ho saputo evangelizzare,ma nei paesi in cui è vacanza per le festività di altre religioni chi non crede non va ad affollargli il luogo sacro quel giorno…. un po’ di educazione anche il 25 dicembre non guasterebbe… Buona festa della Santa Famiglia!!!

  4. – Rileggendo il brano cui è parte la Prima Lettura, “Dal primo libro di Samuèle”, una domanda si arrovella nella mente. Anna condivide il marito con Feninna. Questa partorisce, poi irretisce e amareggia l’altra, perché continuava, nonostante le offerte al Signore, a risultare sterile. La maggiore devozione di Anna è dimostrata dall’affido al Signore dell’unico figlio partorito, Samuele. In un primo pensiero, sembra, che i più meritevoli fatichino e soffrano di più per ottenere.
    – L’elenco da contattare per gli auguri, richiama persone trascurate o scollegate da molto. E’ il tempo di riabbracciarle a voce, se possibile di persona, e salutarsi con: “Il prossimo anno, assolutamente dobbiamo fare cose insieme”.
    – Pensando e ripensando ai vuoti, agli eccessi avuti nel rapporto con i figli, mi chiedo se sarebbe stato possibile prevenirli. Cosa mi è mancato nel portare al giusto equilibrio il rapporto del momento?
    Ho lavorato per una industria in continua e, permettetemi l’aggettivo, asfissiante evoluzione. Continui corsi di aggiornamento professionali.
    E’ il tempo, purtroppo da lungo tempo: “Il tempo è denaro”. L’economia ha la priorità anche sull’istruzione ad educare.
    Forse, in sostituzione delle ore produttive, dedicarne alcune settimanali a corsi mirati, con l’obbiettivo di preparare genitori discreti e leggeri pedagoghi, li migliorerebbe ad aiutare, decifrare, anticipare i comportamenti dei figli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.