meditazioni

E quando mi perderò, so che tu ci sarai!

Meditazione per il Natale

25 dicembre 2018

 

Mentre si sentivano i colpi d’ascia dello spaccalegna nel cuore della notte,

che tuttavia non svegliavano il pastorello dormiente,

un batuffolo bianco spuntò tra i cespugli di mirto.

E all’improvviso cominciò a belare:

«Che delusione! E questo sarebbe il grande spettacolo che tutti stanno correndo a guardare?

Avevano parlato di un grande re, di un condottiero, un generale degli eserciti,

il pastore dei pastori, che avrebbe dovuto ricondurre il gregge nel suo ovile,

che non avrebbe dimenticato nessuna di noi pecore,

che avrebbe guidato teneramente le pecore madri,

che avrebbe condotto gli agnellini sul petto,

un pastore mite che non ci avrebbe più spezzato le gambe.

Uno che sarebbe venuto a cercarci quando ci saremmo perse.

Un pastore che non ci avrebbe abbandonato alla vista del lupo, come invece fanno tutti gli altri che preferiscono sempre salvarsi la vita senza curarsi di noi.

E, invece, è soltanto un bambino, non parla neanche, non può neanche fischiare per chiamarci a raccolta. Ha bisogno di tutto.

Lui stesso sembra un agnellino indifeso, come quelli che portano al macello e si lasciano condurre muti senza ribellarsi.

Giovanni-Segantini-La-tosatura-delle-pecore

Se fosse questo il pastore che da sempre le nostre pecore madri ci hanno detto di aspettare, l’avremmo saputo subito, noi che così spesso siamo state le protagoniste della storia sacra: come quando Natan per aiutare Davide a rendersi conto di quello che stava combinando, gli raccontò di quell’uomo che pur avendo cento pecore, andò a prendere quell’unica pecora di quel povero pastorello.

E il grande Davide, modestamente, stava pascolando proprio noi quando fu scelto per essere Re d’Israele al posto di quello zoticone di Saul. Forse per questo, tante volte, nei suoi salmi, parla così bene di noi.

Del resto, tutto era cominciato proprio quando quell’imbranato di Mosè stava pascolando le nostre antenate del gregge del suocero: a volte, anche pascolando il gregge, si possono fare incontri che ti cambiano la vita».

 

«Certo, io sono la Vita», le disse all’improvviso il bambino.

 

«Come fa questo bambino appena nato a capirmi e a farsi capire da me?», pensò stupita la pecora.

 

«Perché l’uomo guarda l’apparenza, ma io guardo il cuore», le rispose il bambino.

«È vero – aggiunse – mio Padre ha sempre avuto tanto a cuore voi piccole pecore, vi ha sempre guardato con grande tenerezza.

Mi ha raccomandato di essere un pastore secondo il suo cuore e di non perdere nessuna delle sue pecorelle, di condurvi presto tutte in uno stesso ovile.

Anche se per ora non riesco a capire bene, mi ha chiesto anche di essere come un agnello mansueto, come quelli che sono condotti al macello o quelli che sono portati al tempio per essere offerti in sacrificio.

Mi ha detto che dovrò prendermi cura del mio popolo come fa un pastore con il suo gregge, di aspettare le pecore più affaticate, di portare sulle spalle quelle malate, di andare in cerca di quelle che si perdono, di farle pascolare in luoghi pieni di erba e di condurle ad acque tranquille».

Eugen-Joseph-Verboeckhoven-Sheep-and-Hens-in-a-Barn

La pecorella rimase così conquistata da quelle parole, che si adagiò placidamente accanto a Giuseppe.

«Se è così, allora ti aspetterò.

Ti aspetterò quando sarò stanca, perché tu verrai a prendermi sulle spalle.

Ti aspetterò se dovessi perdermi, perché tu verrai a cercarmi.

Ti aspetterò quando avrò fame, perché so che tu, a costo di morire per me, mi darai da mangiare.

Ti aspetterò quando avrò sete, perché tu per dissetarmi farai sgorgare persino acqua dalla roccia.

Ti aspetterò quando mi sentirò sola, perché tu mi stringerai a te e mi riporterai nell’ovile».

E così, piano piano, la pecorella si addormentò contenta, felice di aver trovato quello che da tanto tempo cercava.

Il bambino la guardava con dolcezza e con la manina cercava di accarezzarne il morbido pelo ricciuto.

 

3 commenti

  1. Grazie per la bellissima e originale riflessione: Dio non ci abbandona mai. Tantissimi auguri Buon Natale e Buon Anno.

  2. Bellissima meditazione per questo Natale. Buon Natale padre Gaetano e grazie sempre per tutte le belle meditazioni che scrive. Gesù bambino possa smuovere anche i cuori più induriti. Gesù bambino possa confortare il mio dolore e il dolore di tutti coloro che soffrono. Grazie a Gesù Misericordioso ognuno di noi può essere sempre felice anche in mezzo a tante tribolazioni. Questo il mio augurio per questo mondo in cui viviamo. Amen.

  3. Spero, auguro che il prossimo sarà l’anno universale cui tutte le nazioni riconosceranno: “Ogni uomo, ovunque sia nato, ha una dignità originaria”.
    Auguri per un sereno Natale che si prolunghi oltre il 25 dicembre.
    Un augurio di un nuovo anno di fermenti di vita pieni di vitalità, interessi, teneri stati emotivi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.