meditazioni

Mi sono sbagliato! Quando la prima impressione non è quel che conta

Meditazione per la XVI domenica del T.O. anno A

19 luglio 2020

“È proprio dell’angelo cattivo, che si trasforma in angelo di luce,

entrare con il punto di vista dell’anima fedele e uscire con il suo: suggerisce, cioè,

pensieri buoni e santi, conformi a quell’anima retta, poi a poco a poco cerca di uscirne

attirando l’anima ai suoi inganni occulti e ai suoi perversi disegni”.

Ignazio di Loyola, Esercizi spirituali, §332

Dov’è Dio?

Dov’è Dio? È la domanda che risuona in maniera sempre più inquietante attraverso le pieghe faticose della storia. Ed è la domanda che oggi torna nuovamente a sfidare il credente. Facciamo fatica a vedere la presenza di Dio in un periodo di particolare sofferenza. L’umanità solleva un grido che sembra rimanere inascoltato. Stiamo morendo, e nasce il sospetto che a Dio non interessi più. La storia appare confusa e non riusciamo più a scorgere tracce di speranza. Ci sentiamo abbandonati.

Una presenza da cercare

Probabilmente questi dubbi hanno attraversato anche la prima comunità cristiana, tanto che l’autore del Vangelo di Matteo ha sentito il bisogno di aiutare a comprendere in che modo si manifesta la presenza del Signore, quella presenza che Matteo indica con l’espressione “Regno dei cieli”. Il Vangelo riconosce infatti che non è sempre immediato ritrovare l’opera di Dio in mezzo a noi, perché nel campo della storia e nella vita degli uomini, le cose possono apparire in maniera ingannevole e confusa. La prima caratteristica del Regno dei cieli è perciò quella di farsi cercare: nella confusione del mondo, occorre valutare bene i segni della presenza di Dio.

Quando siamo deboli

La parabola del grano e della zizzania può essere letta infatti sia sul piano più generale della vita della comunità, sia sul piano particolare di quello che avviene nel cuore di ogni uomo: la storia è l’espressione di tanti vissuti personali che si intrecciano. Forse non possiamo vigilare su quello che avviene nel mondo, ma certamente siamo responsabili di quello che avviene nella nostra anima.

Quando infatti siamo addormentati, quando cioè siamo meno vigili, quando siamo più deboli, quando inevitabilmente siamo meno lucidi per la stanchezza che attraversa la nostra vita, il Nemico approfitta per creare confusione e nascondere l’opera di Dio. Il Nemico è subdolo perché si nasconde: getta la zizzania, ma poi scompare. Proprio come quelle persone che non hanno il coraggio di venire alla luce, ma si insinuano come serpenti per avvelenare la vita degli altri.

Discernere

Il male si presenta molte volte sotto apparenza di bene. Il Nemico si traveste da angelo di luce. Come Ulisse, ci presenta un cavallo di Troia, che ha l’apparenza del regalo, ma che dentro contiene la trappola per assediare la città. Anche sul bene dunque occorre fare discernimento, ed è il discernimento più difficile. Non sempre ciò che si presenta come vantaggioso, lo è adesso per me in questa situazione. Non basta che una cosa sia buona in sé per accoglierla. Ciò che oggi sembra un vantaggio, potrebbe portare delle conseguenze nefaste. Per questo è opportuno chiedersi: dove porterà questa decisione? Quali saranno le conseguenze prevedibili di questa scelta? Che cosa mi spinge, nel profondo del cuore, ad andare in questa direzione?

Il tempo

Per capire la differenza tra il grano e la zizzania occorre prendersi tempo, aspettare, osservare che cosa dà vita e che cosa invece ci toglie il respiro. Le decisioni importanti vanno ponderate con attenzione. All’inizio, come ci insegnano i contadini, il grano e la zizzania sono molto simili, solo progressivamente cominciano a presentarsi in modi differenti.

Questa dinamica è presente non solo nel nostro cuore, ma, come abbiamo detto, anche nella comunità. Gesù ci invita a non giudicare subito. Siamo chiamati a rispettare le differenze, anche quando ci sembra assurdo ritrovarci nello stesso gruppo con chi la pensa in maniera diversa da noi.

Come i servi, probabilmente anche noi siamo presi spesso da uno zelo incendiario che vuole fare chiarezza immediatamente, ma in questo modo rischiamo di rovinare l’intero raccolto. I servi sono chiamati invece a osservare, a vigilare, ma non a estirpare.

Il colpevole

I servi sono anche coloro che provano a imputare a Dio la colpa di questa confusione: quello che avviene nella storia, come quello che avviene nel nostro cuore, facilmente viene ricondotto all’azione di Dio che avrebbe dovuto agire diversamente. Dio è sempre il principale imputato del male che ci ritroviamo ad affrontare.

Verrà però il momento in cui Dio troverà il modo per mettere ordine: se gliene diamo la possibilità, manderà i suoi mietitori che si adopereranno per un’opera di distinzione, legando e bruciando la zizzania da una parte, riponendo il grano buono dall’altra. Se avremo pazienza, Dio ci aiuterà a portare avanti il nostro discernimento.

La piccolezza

L’altra caratteristica del Regno di Dio che viene descritta in questa pagina del Vangelo è la piccolezza, anche per questo è così difficile riconoscere le tracce di Dio nella storia. Dio infatti non è eclatante, non è ingombrante, non fa rumore. La sua presenza è delicata, semplice, misteriosa, ma estremamente efficace, perché nonostante la sua piccolezza e umiltà, riesce a dare ombra agli uccelli come il granello di senape e a far lievitare la farina come un po’ di lievito. Ci troviamo così davanti a una logica diversa: evidentemente la logica di Dio non è quella del mondo. Occorre chiedersi perciò chi stiamo cercando o in che modo stiamo cercando quando ci interroghiamo sulla presenza di Dio nella storia. Siamo vigilanti e pazienti nella notte? Siamo disposti a riconoscere che Dio opera sì grandi cose ma attraverso una misteriosa semplicità?

Leggersi dentro

– Mi prendo tempo per cercare di discernere la presenza di Dio soprattutto quando non è così evidente?

– Come mi aspetto che Dio si manifesti nella mia vita e nella storia?

10 commenti

  1. Un angelo di luce mi accecò improvvisamente con la sua straordinaria bellezza, prima che potessi recuperare la vista mi ritrovai invasa da duemila demoni che non potevo riconoscere. Tenuta in scacco da pensieri negativi potenti, mi arresi al fatto che ci sono forze misteriose e avverse che vogliono deviare dalla comprensione della Parola. Non sono capace di comprendere in modo definitivo la realtà, per quanto posso sforzarmi di controllare ogni cosa. Allora la domanda è: non resta che amare Dio con tutto il cuore, con la parte buona e con la parte cattiva?

  2. Mi aspetto la sua parola sussurrata. Dio non fa proclami, parla nel silenzio del cuore, non ha bisogno di pubblicità, ha un respiro breve, fulmineo, misterioso.
    Il male invece è strabordante, rumoroso e insistente. Per paura di non essere ascoltato ripete sempre le stesse parole e quando semina getta via il seme buono o lo fa divorare da insetti sconosciuti e voraci.

  3. Il Padrone non ha consentito ai servi di sradicare me quando mi confondevo con la zizzania, ha atteso, ha insistito con pazienza infinita e alla fine mi sono accorta di Lui … e ho scoperto che c’è sempre stato, anche nei momenti più bui e difficili. Ogni giorno spero di vederlo, cerco di incontrarlo; lo sento nelle piccole cose, nei sorrisi e nelle lacrime, negli sguardi, nell’abbraccio che si percepisce.

  4. Le scelte fanno parte della vita ed hanno una Grande importanza per ognuno di noi! La capacità di discernere diventa fondamentale per proseguire il giusto cammino, abbiamo tutti la possibilità ed il tempo per fare le giuste esperienze

  5. > “Come mi aspetto che Dio …”
    Nel recupero.
    Ho frequentato un corso teatrale, interrotto per evidente rigidità espressiva e di memoria.
    Nel provare una scena, non ricordo di preciso l’errore, al mio tentennamento il regista mi urla: “Recupera. Pensa velocemente come recuperare!”.
    La forza e la testardaggine di capire come drenare l’errore, lo sbaglio, recuperare e quindi rafforzare gli utensili mentali addetti ai recuperi.

Rispondi a Lidia Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: