meditazioni

Ho fatto quello che dovevo fare! La correttezza che non è ancora amore

Meditazione per la

Ventiquattresima domenica del T.O. A

13 settembre 2020

«Se ti rallegri quando sei perdonato,

devi temere quando non perdoni».

Sant’Agostino, Discorso 114/A, 2

 

 

Una parola nuova

Intorno al IV-V secolo d.C., un certo Romulus si trovò a tradurre dal greco in latino una favola di Esopo, nella quale si raccontava di un tale, condannato a morte, al quale era stata condonata la pena. Come tradurre quel dono della vita che interrompeva il corso ordinario della giustizia? Si poteva parlare semplicemente di un dono? Romulus si rese conto di trovarsi davanti a un dono eccezionale, straordinario, che non poteva essere equiparato a qualunque altro dono. Per questo coniò per la prima volta la parola ‘perdono’. Fin dall’inizio, quindi, il termine ‘perdono’ nasce per indicare qualcosa che va oltre la giustizia o il rispetto delle regole. Il perdono è tale se è immeritato: avrei dovuto morire e invece mi ritrovo salvato. L’origine del termine chiarisce anche perché nel perdono sia implicito il dono di una nuova possibilità di vita: si tratta veramente di ridonare la vita. Ma questo non vale solo per chi riceve il perdono: il perdono ridà vita anche a me che lo offro, perché libera dal rancore che uccide.

 

Servi insieme

Capiamo allora perché sia così difficile trovarsi veramente davanti a un’esperienza di perdono, eppure la parabola che Gesù racconta in questi versetti del Vangelo di Matteo ci spiega anche perché la comunità può sopravvivere solo se si confronta continuamente con l’esigenza del perdono. Le relazioni interpersonali muoiono quando non ci si perdona più. Abbiamo continuamente bisogno di comprendere l’altro per dargli una nuova possibilità. Non a caso, Matteo usa un termine originale per indicare i compagni protagonisti della vicenda, non solo i due servi indebitati, ma anche gli altri spettatori della scena, sono chiamati servi-insieme, con un unico termine, per indicare la nostra identità comune di gente a servizio della vita, persone legate indissolubilmente l’una all’altra. Quando manca il perdono si spezza un legame vitale: non siamo più insieme come dovremmo essere.

 

In coscienza

Pietro, che pone la domanda iniziale e che dà a Gesù l’occasione di raccontare la parabola, rappresenta la voce della coscienza, la coscienza che vuole sentirsi a posto, che non vuole essere messa continuamente in discussione. Pietro vuole quantificare l’amore, vuole un limite alla misericordia, vuole una misura che gli permetta di sentirsi giusto. Ad un certo punto vorrebbe dire ‘basta! Ho fatto quello che dovevo fare!’. Gesù gli insegna invece che il perdono non ha misura, proprio perché non c’è un momento in cui smettiamo di avere bisogno di perdonarci reciprocamente.

 

Mi ricordo

La vita è continuamente un appello al perdono. Ma questa forza di perdonare la possiamo ritrovare solo se facciamo memoria di tutte le volte che noi stessi, nel segreto, siamo stati perdonati dal Padre nostro. Ciascuno sa nel suo cuore quale sia il grande debito che gli è stato condonato. Al primo servo della parabola infatti viene condonato un debito altissimo: diecimila talenti! Pensiamo solo al fatto che un talento equivaleva a 25Kg d’argento e che nella parabola dei talenti al primo servo vengono affidati cinque talenti. Al contrario, il secondo servo ha contratto un debito non particolarmente ingente: cento denari, poco più di tre mesi di lavoro, visto che un denaro era il salario medio per una giornata di lavoro.

 

Un rischio

Il servo perdonato, ma incapace di misericordia non conosce la pazienza di cui egli stesso ha goduto. Non sa aspettare il cambiamento del suo fratello, non sa dare tempo, non sa offrire una nuova possibilità. Il perdono è sempre un rischio: non sappiamo mai se l’altro lo accoglierà, se ne farà buon uso, se saprà ricambiare, ma tutto questo non riguarda più colui che offre il perdono. Il perdono è tale proprio quando è totalmente gratuito. Il perdono è inevitabilmente un rischio! Se il perdono diventa calcolo, allora non può più essere chiamato così.

 

Nella comunità

La parabola raccontata da Gesù mette anche in evidenza che il perdono non è solo una questione personale, ma ricade sulla comunità. Gesù vuole aiutare a riflettere sulle relazioni all’interno della comunità: gli altri servi che vedono la scena non restano indifferenti davanti all’ingiustizia, ma pregano il padrone affinché possa rimettersi in moto il processo della misericordia. Chi non è capace di perdonare distrugge la vita della comunità. Oggi ci accorgiamo ancora di più come la mancanza di misericordia, sostituita dal giudizio e dalla critica, stia distruggendo il tessuto sociale. Ma purtroppo questo accade quando cominciamo a dimenticare, quando sappiamo vedere solo l’errore dell’altro e non ci ricordiamo più di quante volte noi stessi avremmo dovuto morire e ci ritroviamo invece ancora in vita.

 

Leggersi dentro

  • Sei capace di fare memoria di tutte le volte in cui sei stato perdonato?
  • Sei disponibile a comprendere chi ha sbagliato e a dargli tempo per cambiare?

5 commenti

  1. Il perdono per me è sempre stato essenziale, anche prima della conversione. Senza perdono non c’è continuità, ma solo morte e chiusura di tutti i rapporti personali. È indispensabile lasciare correre il tempo. Dio ci ha condannato al tempo in forza del peccato originale; se riflettiamo quel settanta volte sette ha il sapore dell’eternità. Perdonare per sempre ci fa assaporare l’eternità che ci siamo giocati col peccato originale. Col perdono sconfiggiamo la condanna a morte.

  2. È vero, è impossibile contare le volte che sono stata perdonata soprattutto dai famigliari e dagli amici! Le domande di oggi conducono subito nell’esercizio difficile del capovolgimento del punto di vista, dalla chiusura dell’io egoico bellico alla coscienza che si osserva e si apre all’infinito “per dono”. Grazie

  3. È vero, è stato necessario aver ben presente che il Padre ci perdona sempre, per trovare la forza di perdonare gli altri ed anche me stessa.
    È stato necessario accettare l’idea che tutti sbagliamo con il Signore, con noi stessi con gli altri e trovare ogni volta il coraggio e la serenità per ammettere l’errore , chiedere scusa o accogliere le scuse.
    Poi , piano piano, perdonare diventa fattibile, semplice e perfino gioioso … anche quando si pensa di aver ragione!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: