citazioni

Idolatria e politica

«Per questo la politica crea sempre degli idoli, anche dopo il paganesimo: Big Brother, il Grande Timoniere, il Fűhrer, o l’Uomo che amiamo più di ogni altro devono essere divinizzati: fatti dei, scongiurano il divino, più volgarmente il destino. L’idolatri mostra la vera dignità del culto della personalità – quella di una figura familiare, addomesticata (tale dunque da far paura senza pericolo) del divino. La tentazione idolatrica, per l’antico Israele, dipendeva sempre dalle necessità politiche. Inversamente, è soprattutto alla politica che il nostro tempo deve il fatto di non mancare di nuovi idoli».

 

J.-L. Marion, L’idolo e la distanza. Cinque studi, Jaca Book, Milano 1977, 18.

Rene-Magritte-The-birth-of-idol

Un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.