Parole per domani

Parole per domani

18 dicembre 2020

Venerdì della terza settimana di Avvento

UNA LUCE

Gn 23

5Ecco, verranno giorni – oracolo del Signore –
nei quali susciterò a Davide un germoglio giusto,
che regnerà da vero re e sarà saggio
ed eserciterà il diritto e la giustizia sulla terra.

Mt 1

20Mentre però stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; 21ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati».

LA PAROLA PER DOMANI Èsogno

Il sogno svela quel non detto che non abbiamo il coraggio di esprimere. Il sogno è anche il luogo della profondità, forse il punto più vero. Il sogno è ciò che nascondiamo talmente bene dentro di noi che a volte non ce ne ricordiamo più. E’ proprio in quel luogo profondo che Dio parla alla nostra vita.

Sognare è il tempo in cui diamo il permesso ai nostri desideri di venire fuori. E per questo possiamo sognare solo di notte, perché i desideri hanno il colore dell’oscurità, non possiamo mai sapere in anticipo dove ci porteranno esattamente. Eppure è proprio lì che Dio ci parla. D’altra parte non si può passare tutta la vita sognando. A un certo punto bisogna destarsi dal sonno e agire.

in questo tempo in cui siamo così spaventati, forse abbiamo anche smesso di sognare. Forse le nostre notti sono abitate per lo più da incubi, dalla paura del futuro, dalla paura di ricominciare. Abbiamo bisogno di ritornare a sognare, abbiamo bisogno di ridare a Dio l’occasione di incontrarci, ma avremo anche bisogno a un certo punto di alzarci e agire.

UN IMPEGNO

Mi fermo a riflettere su quali sogni mi porto nel cuore e provo a vedere cosa posso fare già oggi per cominciare a realizzarli.

3 commenti

  1. Sogno. Il posto dove incontro Dio e gli angeli. A volte escono pure dai miei sogni. Se la morte è come un sogno sarà sicuramente un momento straordinario

  2. I sogni di adesso non sono quelli di quando ero ragazza o giovane adulta.
    Sono cose che riguardano i miei affetti più cari e sui quali difficilmente posso incidere…. li metto nelle mani del Signore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: